Cosa Fare a İstanbul, idee e suggerimenti

Cosa Fare a İstanbul, idee e suggerimenti


Nonostante si raccolgano numerose informazioni in rete e sulle guide cartacee, quando si pianifica un viaggio si è sempre indecisi su quanti giorni dedicare alla visita.

Questo ovviamente non dipende solo dalla nostra volontà, ma anche da altri fattori come gli operativi dei voli, il budget a disposizione ed eventuali impegni lavorativi.

L’antica Costantinopoli però è una città talmente ricca di storia, monumenti ed attrazioni che i giorni a disposizione non basterebbero mai.

 

Il Palazzo Çirağan Istanbul

Palazzo Çirağan visto dal Bosforo

 

In questo articolo comunque proviamo a suggerirvi delle idee su cosa fare a İstanbul, alcune sono prettamente turistiche, altre invece sono sicuramente più originali e si sposano con le tradizioni del posto.

A voi la libertà di scegliere in base ai vostri gusti e desideri.

 

COSA FARE A İSTANBUL, I NOSTRI CONSIGLI

 

Nota per la lettura: tutti i prezzi che trovate in questo articolo si riferiscono al mese di marzo 2019, quando il tasso di cambio medio tra Lira Turca ed Euro era di 6,30.

 

  • CROCIERA SUL BOSFORO

Una delle cose che vi consigliamo assolutamente di fare a İstanbul è la crociera sul Bosforo (Boğaziçi in turco).

Il canale collega il Mare di Marmara a sud con il Mar Nero a nord ed è lungo circa 32 chilometri, con una larghezza minima di 550 metri ed una massima di tre chilometri.

 

Il Corno d'Oro Istanbul

Il Corno d’Oro

 

Su entrambe le sponde sorgono numerose yali (residenze nobili in legno), splendidi palazzi ottomani e antiche fortezze in pietra.

Dal molo di Eminönü, proprio di fianco al ponte di Galata, partono tutti i giorni diverse tipologie di tour, organizzati sia da compagnie pubbliche sia private. Da quelli brevi di 90 minuti a quelli un po’ più lunghi che prevedono mezza giornata di navigazione.

In alternativa ci sono quelli più chic e più costosi che comprendono cena e spettacolo di danza del ventre a bordo.

Oltre che dal molo di Eminönü alcune crociere partono anche dai quartieri di Beşiktaş e Ortaköy, situati sulla sponda opposta del Corno d’Oro.

 

Crociera sul Bosforo Istanbul

Navigazione sul Bosforo

 

Noi avevamo optato per un tour di un’ora e mezza. Seguiti da uno stormo di gabbiani vocianti avevamo costeggiato la zona europea della città durante il percorso di andata, mentre al ritorno eravamo passati di fianco alla zona asiatica.

Durante il tragitto, seduti sulle comode poltrone dell’imbarcazione, avevamo ammirato il Palazzo Dolmabahçe, il Palazzo Çirağan, la splendida moschea Büyük Mecidiye Camii di Ortaköy, vicino al ponte Martiri del 15 luglio, la fortezza Rumeli Hisari fatta costruire da Mehmet II in vista della presa di Costantinopoli.

Una volta giunti al ponte Fatih la barca aveva virato e ripreso la navigazione verso il molo di Üsküdar, sulla sponda asiatica, dove avevamo fatto una breve sosta.

 

Panorama Beyoğlu Istanbul

Panorama del sobborgo di Beyoğlu con la torre di Galata

 

Sulle colline adiacenti la costa sorgono delle splendide yali, residenze fatte costruire dai nobili ottomani e da ambasciatori stranieri tra il XVII e il XIX secolo. Oggi invece appartengono a industriali, banchieri e imprenditori locali.

Il costo della crociera era stato di 20 TL ed il biglietto lo avevamo acquistato nell’apposita biglietteria situata sul molo, di fianco agli stand dove potete gustare il famoso panino con il pesce, il balik ekmek.

 

  • ATTRAVERSARE A PIEDI IL PONTE DI GALATA

Il ponte di Karaköy, comunemente conosciuto come ponte di Galata, è la porta d’ingresso al famoso Corno d’Oro (in turco Haliç). Collega il quartiere di Eminönü a ponente con il sobborgo di Beyoğlu situato sulla sponda opposta.

Nell’antichità Beyoğlu si chiamava Pera. I Bizantini prima e gli Ottomani poi avevano permesso agli stranieri (soprattutto genovesi) di aprire basi commerciali in questa zona della città. I commerci erano così gestiti da consoli stranieri che li regolavano in un regime di libero mercato.

 

Pescatori ponte di Galata Istanbul

Pescatori sul ponte di Galata

 

Le sponde del Corno d’Oro erano in passato tra i luoghi più esclusivi di İstanbul, ricoperte da giardini e splendide costruzioni. Oggi invece la crescita urbana ha deturpato il paesaggio con la costruzione di fabbriche, magazzini e cantieri navali.

In passato offriva riparo a flotte di navi ma al giorno d’oggi nessuna imbarcazione di grandi dimensioni ormeggia lì. Il Corno d’Oro in pratica è rimasto solo un piccolo porto per imbarcazioni di pescatori.

La struttura del manufatto attuale è stata completata nel 1994 ed è lunga 490 metri. Si tratta di un ponte sollevabile a tre corsie di marcia per i veicoli, la parte centrale è occupata dai binari del tram, mentre ai lati ci sono degli ampi marciapiedi pedonali.

 

Sobborgo di Beyoğlu Istanbul

Panorama del sobborgo di Beyoğlu dal ponte di Galata

 

Sotto il piano stradale della struttura invece c’è un passaggio pedonale fiancheggiato da ristoranti e negozi.

Se avete intenzione di attraversare il ponte a piedi fatelo magari nel tardo pomeriggio, quando la luce calante del sole regala tonalità più calde alle costruzioni.

I parapetti sono di solito occupati da decine di pescatori che lanciano le loro lenze nello specchio d’acqua sottostante, inframezzati dalle bancarelle di rivenditori ambulanti di ciambelle di simit (pane al sesamo) e lokum (dolci).

 

 

  • ASCOLTARE IL RICHIAMO DEL MUEZZIN

A cinque diverse ore del giorno vi capiterà di ascoltare il richiamo alla preghiera (salāt) del muezzin.

 

Moschea Blu Istanbul

Moschea Blu (Sultanahmet Camii)

 

Un tempo l’adhān (il richiamo) veniva fatto personalmente dall’addetto alla moschea dall’alto dei minareti, rivolgendosi ai quattro punti cardinali. Ora invece viene fatto tramite una registrazione audio che viene diffusa grazie a una serie di altoparlanti installati sulle torri.

A İstanbul ci sono numerose moschee, da qualsiasi parte vi giriate noterete cupole e minareti.

I megafoni non sono sincronizzati allo stesso orario, ma si discostano di alcuni secondi l’un l’altro. Durante il richiamo avrete quindi la sensazione che avvenga una specie di botta e risposta tra diversi muezzin.

 

Süleymaniye Camii Istanbul

Viale di ingresso alla Moschea di Solimano (Süleymaniye Camii)

 

Al seguente link trovate gli orari giornalieri delle preghiere a İstanbul.

 

 

  • SPETTACOLO DEI DERVISCI ROTANTI

Se in un primo momento lo spettacolo dei dervisci rotanti può sembrare prettamente turistico e commerciale, alla fine comunque regala delle belle emozioni.

In città ci sono alcuni teatri che offrono lo spettacolo, noi avevamo scelto quello che si svolge nel Centro Culturale Hodjapasha situato in un vecchio hamam non lontano dalla stazione di Sirkeci.

Lo spettacolo ha una durata di circa un’ora ed il biglietto d’ingresso costava 110 TL.

 

Dervisci rotanti Hodjapasha Istanbul

Spettacolo dei dervisci rotanti al centro culturale Hodjapasha

 

I Dervisci (Darwish in persiano) sono dei monaci che fanno parte di una confraternita islamica affine al Sufismo, vivono in povertà avendo scelto come via di salvezza un cammino ascetico privo di vizi e dei beni della terra.

Nel mondo islamico ci sono diverse sette Sufi, la più nota delle quali era la Mevlevi. La setta fu fondata nel 1273 dal sultano Veled e si fondava completamente sui principi dell’amore e della tolleranza. La setta fu chiusa nel 1923 per volere di Atatürk.

Il rituale più famoso della Mevlevi è la Sema, la danza rotante dei dervish. La cerimonia si sviluppa in sette capitoli durante i quali l’anima percorre il suo cammino spirituale verso Dio ed il mondo celeste.

 

Moschea di Solimano Istanbul

Giardini della Moschea di Solimano (Süleymaniye Camii)

 

Si svolge su una pista circolare dove si esibiscono cinque dervisci mentre sul palco prendono posto i membri del gruppo musicale, in turco mutrip. È formato da due cantanti e cinque musicisti che suonano i seguenti strumenti tradizionali persiani: il kudüm, il kanun, il yayli tambur, il ney (flauto) ed infine il tanbur.

Durante la cerimonia il pubblico deve rimanere in completo silenzio, è proibito scattare fotografie e al termine dello spettacolo non si deve applaudire.

 

  • PRENDERE UN TÈ NEL CORTILE DI UNA MEDRESA

Una delle esperienze più suggestive del nostro viaggio a İstanbul è stata quella di trascorrere dei momenti di relax in una çay bahçesi (sale da tè all’aperto).

Sorseggiare un tè in compagnia non è solo il passatempo preferito dai turchi, ma è anche un momento che riveste una valenza sociale e culturale.

Le çay bahçesi sono delle vere e proprie oasi di pace. Sedersi sui divani rivestiti con tessuti orientali e sorseggiare una tazzina di çay (tè) fumante, servito in bicchieri di vetro dalla forma di tulipano, non ha eguali.

 

Sala da tè medresa Çorlulu Ali Paşa Istanbul

Sala da tè nel cortile della medresa Çorlulu Ali Paşa

 

I turchi si recano nelle sale per leggere un libro, fare conversazione, giocare a tavla (il backgammon) oppure per fumare il narghilè, la pipa ad acqua.

Il narghilè (chiamato anche shisha o hookah) non è arricchito da sostanze “particolari” ma solo da tabacco aromatizzato. Ovviamente come le sigarette e la pipa non fa bene alla salute, ma se uno vuole provarlo allora penso che İstanbul sia il luogo ideale per farlo.

Si possono utilizzare tipologie di tabacco, noi avevamo provato una volta quello al gusto di menta e un’altra il tradizionale elma, un tabacco macerato nel succo di mela e dal gusto dolce.

Come çay bahçesi vi consigliamo senza dubbio una delle tre che si trovano nel cortile interno della medresa Çorlulu Ali Paşa. È semplice arrivarci anche se non è proprio intuitivo trovare la porta di accesso al cortile.

 

Shisha bar medresa Çorlulu Ali Paşa Istanbul

Sala da tè nel cortile della medresa Çorlulu Ali Paşa

 

Si trova in Yeniçeriler Caddesi 35 a Sultanahmet, tra le stazioni del tram di Beyazit Kapaliçarşi (Gran Bazar) e Çemberlitaş, in un androne stretto e lungo.

Un altro luogo molto frequentato si trova invece proprio di fronte alla Moschea Blu e si chiama Derviş Aile.

Fumare il narghilè costava 40 TL mentre una tazzina di tè veniva 3 TL.

 

  • FARE IL BAGNO TURCO IN UN HAMAM

Una volta raggiunte le macro aree che avete in programma di esplorare (per esempio Sultanahmet, Sirkeci o Beyoğlu), İstanbul è una città che si visita benissimo a piedi.

Al termine della giornata però avrete sicuramente bisogno di rilassarvi e di liberarvi dalle tossine accumulate. Perché allora non prendere in considerazione la possibilità di andare in un hamam tradizionale per ricevere i benefici di un bagno turco?

All’entrata vi verrà assegnata una cabina e contestualmente vi verranno consegnati un telo da bagno, sandali di plastica, shampoo e sapone.

Una volta condotti nella sala calda (hararet) ci si può sedere sulle panche situate ai bordi della stanza oppure distendersi sulla piattaforma centrale rialzata.

 

Cosa fare a Istanbul

Venditore di Simit (ciambelle di pane al sesamo)

 

Un bagno turco classico prevede che si venga lavati e massaggiati da un inserviente.

Tra gli hamam più famosi della città ve ne segnaliamo due:

Ayasofya Hürrem Sultan Hamami, situato nei pressi della Basilica di Santa Sofia, è stato costruito nel 1556 ed è dotato di aree separate per uomini e donne.

Non lontano da lì sorge anche il Çemberlitaş Hamami, progettato dal famoso architetto Sinan ed è uno dei bagni turchi più belli della città. Anche questo è provvisto di aree separate per uomini e donne.

 

Se avete qualche idea o suggerimento da aggiungere lo potete fare tranquillamente qui sotto nei commenti, sarà un arricchimento per il nostro articolo. Grazie.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

Sabato scorso siamo stati a Villach in Austria 🇦🇹. Abbiamo visitato la città e poi ci siamo concessi un po' di shopping da @atrio_villachit . La struttura è stata costruita nel 2008 utilizzando materiali ecocompatibili e si avvale di un impianto energetico geotermico. Si basa sui principi della geotermia e sfrutta il calore naturale della terra grazie all’utilizzo dei pali trivellati che sostengono le fondamenta. Durante l’anno viene poi riutilizzato sia per scaldare l’ambiente durante i mesi invernali sia per climatizzare l’aria durante l’estate. 
In fase di ideazione del progetto si decise di mettere fin da subito il benessere delle persone al centro dell’esperienza, con l’eco-sostenibilità come valore di riferimento. È stato creato un ambiente piacevole illuminato anche dalla luce naturale proveniente da grandi vetrate. Gli arredamenti dei negozi sono stati realizzati con materiali ecocompatibili e sono dotati di soluzioni tecnologiche innovative. Il risultato finale è un mix con ampi spazi, zone di condivisione, fontane d’acqua e aree ludiche per bambini, che rendono lo shopping un’esperienza gradevole e rilassante. .
.
.
@atrio_villachit @atrio_villach #ShoppingSenzaConfini #atriovillach #carinzia #visitvillach #visitcarinthia
Poche centinaia di metri dopo l’inizio della salita che porta alla cittadella fortificata, in uno splendido edificio ottomano del XVIII secolo su due piani sorge dal 1979 il Museo Etnografico. Secondo noi è una delle cose più interessanti da vedere a Berat 🇦🇱 in Albania.
.
.
In Bio il link all'articolo completo sul blog
.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #visitalbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱 #berat #berati
L’antica cittadella fortificata Kalaja a Berat 🇦🇱 si raggiunge tramite una stradina lastricata in sensibile pendenza che ha inizio alcune decine di metri dopo la Moschea del Sultano. Vi consigliamo di andare alla scoperta di Kalaja senza una meta precisa, lasciandovi trasportare lungo il dedalo di vicoli in acciottolato. Dietro ad ogni angolo troverete un qualcosa di suggestivo e interessante. Posizionata in posizione defilata a strapiombo sulla rocca, sorge la chiesetta bizantina della Santa Trinità. Dovrebbe risalire al XIV secolo anche se le origini non sono certe.
.
.
In bio il link completo all'articolo sul blog
.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #VisitAlbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱 #berat
#berati #albania
Superata Stolac si entra nel territorio della Republika Srpska di Bosnia Erzegovina. Trebinje, che sorge a soli 28 chilometri da Dubrovnik e quindi dal mare, è una città molto carina da visitare e gode di un clima invidiabile con 260 giorni di sole all’anno. È circondata da colline spoglie ricoperte solo negli strati più bassi da vegetazione di basso fusto. .
La cittadella (Kaštel) si erge all’interno di alte mura ben conservate. Al suo interno ci sono un paio di moschee restaurate con orari di visita molto rigidi ed alcuni bar, dove gli anziani si radunano per socializzare e gustare un caffè.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #bosniaherzegovina🇧🇦 #bosniaherzegovina #bosniaandherzegovina #bosniaerzegovina #visitbosnia #visitbosniaandherzegovina #trebinje
Instagram
La graziosa cittadina fortificata di Stolac sorse come insediamento romano nel III secolo d.C. con il nome di Diluntum. ☆
Sorge a poche decine di chilometri da Međugorje e Počitelj in direzione sud est. Nell’abitato la vita scorre lenta come le acque del fiume Bregava che lo bagnano. La vita del paese ruota attorno alla piazza principale da poco restaurata. Sullo slargo si affacciano la bella moschea Čaršija, una chiesa ortodossa, dei bar e altri esercizi commerciali.
☆
Stolac però per noi ha significato anche altro. Per la prima volta da quando eravamo arrivati in Erzegovina infatti ci eravamo trovati di fronte alle ferite lasciate dalla guerra degli anni ’90. ☆
Link per l'articolo completo in bio
☆
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #visitbosnia #visitbosniaandherzegovina #bosniaherzegovina🇧🇦
#bosniaherzegovina #bosniaandherzegovina #stolac

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 27 altri iscritti

Next Event

Locandina ConVersando di Viaggi

ConVersando di Viaggi edizione 2019 (Udine)

Next Travel

Moschea Nasir al Molk Shiraz

Iran - settembre 2019 (© Wikipedia)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador