Cosa vedere a Cesenatico in un giorno, anche in inverno

Cosa vedere a Cesenatico in un giorno, anche in inverno


Cesenatico è una famosa stazione balneare situata in provincia di Forlì – Cesena, a circa metà strada tra Rimini e Ravenna.

Nonostante sia una delle più rinomate località turistiche della Riviera Romagnola, Cesenatico mantiene il suo fascino in tutte le stagioni, anche in inverno. Grazie agli interessanti spazi espositivi da visitare, il centro storico pedonale e la buona cucina, la cittadina si presta perfettamente per chi ama il turismo slow ed esperienziale.

 

Chiesa parrocchiale di San Giacomo a Cesenatico

La chiesa parrocchiale di San Giacomo

 

In questo contesto trovano spazio degli eventi diventati ormai una tradizione. Dal 1976, in primavera, Cesenatico ospita la Regata Internazionale Vele di Pasqua riservata ai catamarani, che vede la partecipazione di oltre 200 imbarcazioni provenienti da tutta Europa.

Sempre nella bella stagione si svolge la kermesse gastronomica Azzurro come il Pesce, che ha l’obiettivo di valorizzare i prodotti locali, tra cui ovviamente il pesce azzurro del mare Adriatico.

 

Murales centro storico di Cesenatico

Murales in centro storico

 

Nel periodo della festività di Tutti i Santi invece si tiene la manifestazione Il Pesce fa Festa, appuntamento che riempie di colori e sapori Porto Canale e l’intero centro storico. Durante l’evento è possibile visitare la mostra mercato e degustare nei vari stand le pietanze preparate con il pesce fresco.

In questo articolo via raccontiamo la nostra esperienza e vi forniamo alcune idee su cosa vedere a Cesenatico in un giorno.

 

COME ARRIVARE A CESENATICO

Aereo:

L’aeroporto Federico Fellini di Rimini e San Marino è situato circa 8 chilometri a sud di Rimini, in direzione Riccione. Dista circa trenta chilometri da Cesenatico.

Lo scalo è collegato con le vicine località balneari tramite la ferrovia. È possibile raggiungere Rimini anche in autobus, utilizzando la linea numero 9 della compagnia Start Romagna.

 

Cosa vedere a Cesenatico anche in inverno

Passeggiando nei vicoli del centro storico

 

Auto e moto:

Il modo più pratico per arrivare a Cesenatico è sicuramente un mezzo proprio. Se state percorrendo l’autostrada Adriatica A14 e provenite da Bologna, allora l’uscita consigliata è Cesena. Se invece state arrivando da sud, per esempio da Ancona, allora dovete uscire al casello di Rimini Nord – Bellaria – Santarcangelo.

Cesenatico dista circa 15 chilometri da entrambi i caselli dell’autostrada.

Per chi proviene dalle regioni adriatiche infine è possibile utilizzare anche la strada statale SS16.

 

Treno:

la stazione ferroviaria si trova lungo viale Cecchini, a circa 300 metri a piedi dall’intersezione con Porto Canale.

 

Abitazione centro storico di Cesenatico

Dettagli del centro storico

 

DOVE DORMIRE A CESENATICO

Essendo una delle più note località balneari della Riviera Romagnola, presenta un’ampia offerta di strutture alberghiere pronte ad accogliere migliaia di turisti e vacanzieri durante i mesi estivi.

Oltre ad alberghi e hotel troverete appartamenti da affittare, villette e nell’entroterra anche degli agriturismi. Le strutture di Cesenatico sono adatte sia a chi viaggia da solo sia alle famiglie con bambini.

Al seguente link potete verificare le offerte, la disponibilità e prenotare comodamente online il vostro alloggio a Cesenatico.

 

COSA MANGIARE A CESENATICO

La cucina locale è ovviamente influenzata dal mare ed i numerosi ristoranti che si affacciano sul Porto Canale offrono dei menù ricchi di pietanze a base di pesce e crostacei. Ma non solo. Anche i prodotti della terra vengano valorizzati rispettando la rotazione delle stagioni.

 

Cappelletti in brodo piatto tipico cucina romagnola

Cappelletti in brodo di gallina

 

La cucina tradizionale romagnola infatti ha radici sulle colline dell’entroterra e quindi è possibile gustare piatti a base di carne (insaccati, castrato e coniglio), dei deliziosi piatti di pasta in brodo (cappelletti e passatelli), porzioni di pasta e gnocchi conditi con sughi vari (garganelli, maltagliati, strozzapreti e tortelli) e prodotti caseari.

La piadina romagnola (o piada) è uno degli alimenti più famosi dello street food della zona. Si tratta di una sfoglia di farina di grano dalle origini molto antiche, tanto che i primi testi la citavano già nel lontano 1371. Gli ingredienti utilizzati sono, oltre alla farina, l’acqua, lo strutto (o olio), il sale fino ed il bicarbonato.

 

Portata di pesce a Cesenatico

Il pesce, l’alimento principale della cucina locale

 

Viene generalmente cucinata su un piano di terracotta oppure su una piastra di metallo. Può essere mangiata in sostituzione del pane oppure piegata in due e farcita con pietanze dolci o salate. Al giorno d’oggi oltre alla piadina tradizionale si trovano in commercio anche quella integrale bio e quella vegana.

 

COSA VEDERE A CESENATICO IN UN GIORNO

Tralasciando le spiagge affollate durante il periodo estivo, il vero cuore pulsante della vita cittadina è sicuramente il Porto Canale. Buona parte dei luoghi di maggior interesse infatti si trovano proprio lungo il corso d’acqua.

 

PORTO CANALE

Il Porto Canale è sicuramente il luogo più fotografato di Cesenatico e vi assicuro che non vi stancherete mai di passeggiare lungo le banchine.

Se ne avrete la possibilità vi consiglio di venire in momenti differenti della giornata. Le diverse angolazioni della luce del sole vi faranno scoprire sempre scorci nuovi. Fatelo con calma, curiosando tra le vetrine dei negozi e fermandovi a sorseggiare un caffè o un aperitivo nei bar.

 

Il Porto Canale di Cesenatico

Passeggiando lungo il Porto Canale

 

Se date un’occhiata alla mappa noterete che il corso d’acqua è fiancheggiato da due strade pedonali che portano verso il mare: via Giordano Bruno e Corso Garibaldi sulla riva di levante e via Carlo Armellini e via Marino Moretti sulla riva di ponente.

Il Fosso Venarella, che è il vero nome del corso d’acqua, nacque come approdo delle imbarcazioni della vicina Cesena e ricalca ancora oggi nel suo tratto più interno gli antichi disegni di Leonardo da Vinci. Il genio del Rinascimento infatti soggiornò a Cesenatico il 6 settembre del 1502. Nel suo quaderno degli appunti ci sono ancora due bozze del Porto Canale, contenenti delle modifiche migliorative rispetto al vecchio manufatto.

 

Sezione galleggiante Museo della Marineria Cesenatico

Sezione galleggiante del museo della Marineria

 

Il primo è una veduta a “volo di uccello”, cioè dall’alto, ripreso dalla sommità della rocca medioevale (che oggi non c’è più perché andata distrutta), mentre il secondo è un rilievo in pianta completo di misure. Lo scopo del sopralluogo, commissionato da Cesare Borgia, si inseriva in un ampio programma di verifica delle fortificazioni e delle infrastrutture militari del Ducato di Romagna, appena conquistato.

 

PORTO CANALE: RIVA DI PONENTE

Che ne dite se facciamo una passeggiata virtuale lungo il canale?

Iniziamo allora dalla riva di ponente, fino a raggiungere la darsena dei Pescatori ed il mare.

 

MUSEO DELLA MARINERIA

Imboccando via Armellini da viale Cecchini, il primo edificio di pregio che incontriamo è il Museo della Marineria. Secondo noi è una delle cose più interessanti da visitare a Cesenatico.

Il museo, unico nel suo genere in Italia, ha una sezione a Terra, una sezione Galleggiante ed anche una Navigante, con tre imbarcazioni ancora attive e utilizzate per promuovere le antiche pratiche di navigazione.

 

Museo della Marineria di Cesenatico

L’edificio che ospita il Museo della Marineria

 

La sezione a Terra è ospitata in un elegante edificio a due piani dalla facciata tinteggiata di bianco, progettato seguendo le linee architettoniche degli antichi arsenali. All’interno, oltre a poter ammirare delle imbarcazioni tra cui un trabaccolo ed un bragozzo, si può ripercorrere attraverso gli oggetti esposti la storia della navigazione.

Si possono ammirare materiali da costruzione, una ruota da cordaio, un’antica bottega di carpenteria perfettamente ricostruita, ancore, motori e alcune vele.

 

Informazioni Museo della Marineria Cesenatico

Pannello informativo del Museo della Marineria

 

La sezione Galleggiante invece è composta da undici imbarcazioni ormeggiate sul Porto Canale. Le prime otto sono in mostra statica mentre le altre tre, quelle oltre il ponte, vengono utilizzate d’estate per uscite dimostrative e per partecipare a delle regate storiche.

Riassumono le varie tipologie di imbarcazioni utilizzate tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento nella marineria a vela dell’alto Adriatico: due trabaccoli da pesca, tre bragozzi, una lancia, una paranza, un topo, una battana, un trabaccolo da trasporto e un cutter da spiaggia.

Se le condizioni meteo lo consentono, le vele vengono issate e ammainate tutti i giorni da Pasqua fino a fine settembre.

 

Museo della Marineria Cesenatico sezione Galleggiante

Sezione Galleggiante del Museo della Marineria

 

Durante la bella stagione lo spazio espositivo è aperto tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 17.00 alle 23.00, mentre da ottobre è aperto solo il sabato, la domenica e nei giorni festivi con il seguente orario: dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00.

Il biglietto d’ingresso ha un costo di € 2,00.

Durante il periodo natalizio la sezione Galleggiante del museo ospita il Presepe della Marineria di Cesenatico.

 

Superato l’edificio che ospita alcuni uffici comunali e attraversata via Mazzini, proprio all’angolo sorge la casa museo del poeta Marino Moretti.

 

CASA MUSEO MARINO MORETTI

Marino Moretti nacque a Cesenatico nel 1885 e al termine degli studi si trasferì a Firenze dove ebbe l’occasione di conoscere e frequentare artisti e scrittori. Fu proprio in quel periodo che decise di dedicarsi alla letteratura.

 

Casa Museo Marino Moretti a Cesenatico

La casa museo del poeta Marino Moretti

 

Moretti amava molto viaggiare sia in Italia sia all’estero e Parigi e Bruges erano due delle sue destinazioni preferite.

Con lascito testamentario del 1978, un anno prima della morte, dispose che i suoi libri e le carte autografe fossero destinate alla Biblioteca Comunale di Cesenatico. La sorella Ines, due anni più tardi, donò invece al Comune l’intera casa sul canale; in questo modo sia la biblioteca sia l’archivio sono stati conservati nel loro luogo originario.

La casa è facilmente riconoscibile perché ha le facciate tinteggiate di colore verde e al suo interno gli arredi originari sono stati conservati con cura. È possibile visitarla partecipando solo a visite guidate in piccoli gruppi.

 

Museo Marino Moretti a Cesenatico

Ingresso alla casa museo Marino Moretti

 

Durante i mesi di luglio e agosto il museo è aperto tutti i giorni dalle ore 16.30 alle ore 22.30, mentre dal 1 settembre al 30 giugno è aperto solo il sabato, la domenica ed i festivi dalle ore 15.30 alle ore 18.30.

L’ingresso è gratuito.

 

Superato il moderno complesso che ospita il mercato ittico, si arriva alla darsena dei pescatori ed al porto turistico, dove sono ormeggiati pescherecci e piccole imbarcazioni. Sulla banchina sorge anche l’edificio che ospita il Circolo Nautico di Cesenatico.

 

MONUMENTO AI MARINAI

In fondo al molo c’è il monumento dedicato ai caduti del mare. L’opera poggia su un basamento a tre piani rivestito in marmo chiaro ed è formata da un blocco in pietra e da una scultura in ferro a forma di vela. Alla base è appoggiata un’ancora mentre all’estremità superiore c’è una lanterna.

 

Monumento ai caduti in mare a Cesenatico

Monumento ai caduti in mare

 

Proseguendo la camminata verso il mare, la banchina si restringe sempre di più. Una volta superata piazza Spose dei Marinai, dove sorge l’omonimo monumento, si trovano solo alcuni casoni in legno sostenuti da pali e con i tiranti pronti a calare le reti in acqua per la pesca.

 

PORTO CANALE: RIVA DI LEVANTE

Terminata la visita sulla riva di ponente, riavvolgiamo il nastro e ci riposizioniamo al punto di partenza, ovvero all’inizio di Porto Canale. Questa volta però percorreremo via Giordano Bruno e Corso Garibaldi, avviandoci successivamente verso il mare.

 

CHIESA PARROCCHIALE DI SAN GIACOMO

Il primo edificio di un certo interesse che incontriamo è la chiesa parrocchiale dedicata a San Giacomo Apostolo.

L’edificio, dalle facciate color rosa, fu progettato dall’architetto svizzero di origini italiane Pietro Bastoni e fu edificato nel 1763. Subì dei danni a causa del terremoto del 1875 ed in seguito venne completamente ristrutturato.

 

Interno chiesa parrocchiale di San Giacomo a Cesenatico

L’interno della chiesa parrocchiale di San Giacomo

 

La chiesa presenta una sola navata, è di pianta rettangolare ed ha un soffitto a volta con archi. Sul retro dell’edificio, sopra il tetto in coppi, si staglia la sagoma della torre campanaria

 

STATUA DI GIUSEPPE GARIBALDI

Poche decine di metri dopo la chiesa troviamo uno slargo di forma rettangolare, in acciottolato, che prende il nome di Piazza Pisacane. Proprio al centro è stata eretta una statua in pietra in onore di Giuseppe Garibaldi.

Garibaldi passò da Cesenatico nell’estate del 1849 durante la notte tra il 1 e il 2 agosto, con la moglie Anita al seguito. Era braccato dall’esercito francese al termine dell’Assedio di Roma, quando la Repubblica Romana dovette arrendersi alle truppe guidate dal generale Oudinot.

 

Monumento a Giuseppe Garibaldi a Cesenatico

Monumento a Giuseppe Garibaldi in piazza Pisacane

 

Si imbarcò dal porto della cittadina romagnola diretto a Venezia, assediata a sua volta dagli austriaci. Le tredici imbarcazioni della flotta però furono intercettate poco dopo essere salpate dalle truppe austriache e gli equipaggi furono costretti a sbarcare presso Porto Garibaldi, nell’attuale comune di Comacchio.

La ringhiera in ferro battuto che circonda il monumento è stata realizzata dal maestro artigiano Roberto Nardi e fu donata alla città di Cesenatico dalla Confartigianato nel 2014.

 

ANTICA PESCHERIA

Superato il ponte e proseguendo lungo Corso Garibaldi si giunge in Piazza Fiorentini. Sullo spiazzo sorge un bel edificio in stile liberty, di pianta rettangolare e dalla facciata colore avorio. Si tratta della vecchia Pescheria di Cesenatico, costruita nel 1911 e restaurata nel 1971.

 

Antica Pescheria di Cesenatico

L’antica Pescheria in piazza Fiorentini, attiva dal 1911

 

L’edificio fu edificato con lo scopo di risolvere i problemi di igiene e intralcio al traffico causati dallo stoccaggio, dalla lavorazione e dalla vendita del pesce. La pescheria è attiva anche al giorno d’oggi.

 

Questa è una delle zone di Cesenatico che amo di più. Vi consiglio di lasciarvi trasportare dalle sensazioni e di perdervi tra i vicoli in acciottolato. Non ve ne pentirete.

Troverete le bancarelle di frutta e verdura del mercato ambulante, troverete delle graziose abitazioni con gli infissi dai colori vivaci, troverete un’atmosfera intima e rilassante.

 

Mercato della frutta e della verdura a Cesenatico

Mercato della frutta e della verdura nel centro storico

 

LE CONSERVE

Addentrandosi in queste stradine si giunge in Piazza delle Conserve. Le conserve sono dei pozzi scavati nelle dune di sabbia e tra il XVI ed il XIX secolo venivano utilizzate per la conservazione del pesce. In pratica avevano la funzione dei nostri freezer.

Per mantenere una temperatura bassa e costante durante tutto l’anno, nei pozzi venivano stipati dei blocchi di ghiaccio o della neve compressa. Nel 1800 esistevano una ventina di pozzi nella sola Cesenatico, ma la loro importanza andò man mano scemando con l’avvento dei moderni frigoriferi.

 

Le Conserve di Cesenatico

Le Conserve

 

Via Aurelio Saffi, situata tra la casa museo di Marino Moretti e piazza Pisacane, rappresenta l’ultimo ponte transitabile situato sul canale. Passeggiando verso il mare, l’unica soluzione per attraversare il canale è offerta dal traghetto Mirko, che per una tariffa di € 0,40 fa la spola tra le due sponde.

 

Il traghetto Mirko a Cesenatico

Il traghetto Mirko che collega le due sponde del Porto Canale

 

Oltre ai luoghi di interesse situati lungo il Porto Canale vi consigliamo di visitare anche:

 

SPAZIO MARCO PANTANI

Se vi state chiedendo cosa vedere a Cesenatico quando piove, questo spazio espositivo assieme alla casa museo di Marino Moretti ed il Museo della Marineria rappresentano il giusto approdo per trascorrere alcune ore al riparo in caso di maltempo.

 

Ingresso spazio Marco Pantani a Cesenatico

Ingresso dello spazio Pantani

 

Lo Spazio Pantani è stato inaugurato nel 2006 con lo scopo di mantenere viva la memoria del famoso ciclista e campione. All’interno ci sono tre stanze espositive dove sono raccolti cimeli, biciclette, trofei, ritagli di giornali e materiale audiovisivo.

Il museo sorge di fianco alla stazione dei treni, in viale Cecchini, ed è aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 15.30 alle 19.00. Il costo del biglietto è di € 5,00 ma sono previste riduzioni per ragazzi e gruppi numerosi.

Per volere della famiglia di Marco Pantani tutto il ricavato va devoluto in beneficenza.

 

Museo Marco Pantani a Cesenatico

Interno dello spazio espositivo dedicato alla memoria di Marco Pantani

 

PARCO PUBBLICO DI LEVANTE

Se volete concedervi un momento di pace e di relax allora il Parco Pubblico di Levante è il luogo che fa per voi. La superficie di 40 ettari è ricoperta da aree boschive e da zone a prato.

Numerose sia le piante di medio e alto fusto (pini domestici, pioppi, ontani e querce) sia gli arbusti di tamerice.

All’interno ci sono due laghetti con fauna e delle aree gioco per i bimbi. L’intera area è visitabile grazie a dei sentieri percorribili sia in bicicletta sia con delle salutari camminate a piedi.

 

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENATICO

Nell’entroterra romagnolo, non lontano da Cesenatico sorgono degli splendidi borghi medioevali che meritano senz’altro una visita.

Si può optare per quelli più vicini e che richiedono una gita di poche ore (per esempio Longiano, Santarcangelo di Romagna o San Leo) oppure per quelli che richiedono una escursione in giornata, come Brisighella (provincia di Ravenna), Montegridolfo e Sant’Agata Feltria (entrambi in provincia di Rimini).

A pochi chilometri da Cesenatico inoltre sorgono alcuni dei più famosi parchi tematici e di divertimenti del nord Italia, come Mirabilandia, Italia in Miniatura ed il Parco Aquatico Atlantica.

Si prestano perfettamente a chi ama le esperienze family, avventura e outdoor.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

Due passi in centro a Udine ❤#udine #udin #fvglive #fvg #fvgphoto #igersfvg #fvgphoto #yallersfvg #yallersitalia #yallersfriuliveneziagiulia #udinecentro
Somewhere in #fvg ph. Elisabetta #fvglive #igersfvg #yallersfvg #autumn #autunno🍁
Dopo una giornata in fiera al #ttg19 di Rimini, la serata si conclude così.#traditionalfood #foodporn #travelblogger #travelling #travelling #emiliaromagna #romagna #misanoadriatico
Stiamo arrivando. From Udine to Rimini #RoadToTTG19 #ttg19 #iegexpo
Iran 🇮🇷 ultimo giornoIl nostro viaggio termina qui. Fra poche ore abbiamo il volo che ci riporterà in Italia. Dentro il bagaglio portiamo a casa una marea di ricordi, ma se c'è una cosa che non dimenticheremo mai questa è la gentilezza della gente.Il caldo, le poche ore di sonno, il traffico caotico, i clacson di auto e motorini, lo smog di Teheran sono parte integrante del viaggio. Anzi sono il viaggio. Con questa foto vogliamo ringraziarvi per la costanza e la passione con cui ci avete sempre seguiti. Grazie. #iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic
Esfahan [Iran 🇮🇷 day 9]Il ❤️ di Esfahan è Naqsh-e Jahan (Imam) square. È una delle piazze più grandi del mondo grazie ai suoi 512 metri di lunghezza e i 163 di larghezza.Sullo slargo si affacciano alcuni dei luoghi di maggior interesse della città:Foto 2 - la moschea Masjed-e ShahFoto 3 - la moschea Masjed-e Sheikh LoftollahFoto 4 - il palazzo Kakh-e Ali Qapu#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #esfahan #visitesfahan

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 31 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Quadri porta San Floriano Cracovia

Cracovia (febbraio - marzo 2020)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador