La magia dell’alba sul Monte Matajur

La magia dell’alba sul Monte Matajur


L’alba è un attimo, è un istante d’intimità da vivere in silenzio con sé stessi. Questo è il racconto della nostra esperienza in cima al Monte Matajur.

Alba sul Monte Matajur

Aspettando l’alba sul Monte Matajur

 

Da qualche mese io e Riccardo avevamo in mente di ritagliarci alcune ore esclusive solo per noi e avevamo individuato la vetta del Monte Matajur come meta ideale per assistere alla magia dell’alba.

 

MONTE MATAJUR: LA NOSTRA ESPERIENZA

L’ora x scoccò il 12 luglio 2017. Arrivammo al rifugio alpino G. Pelizzo in piena notte. Parcheggiammo l’auto nello spiazzo antistante, indossammo velocemente indumenti termici e ci dirigemmo verso l’osservatorio astronomico dove prende il via il sentiero che porta in cima.

La salita è fin da subito abbastanza impegnativa. Ci concediamo una sosta in uno slargo bordato da un anfiteatro roccioso (detto i penitentes). Giù in basso sui fianchi dei monti circostanti intravediamo le luci accese nei villaggi.

 

Alba sul Monte Matajur

Il primo sole illumina il Monte Matajur

 

In alcuni tratti l’erba alta sovrasta il tracciato. Anche se fa ancora buio riusciamo a scorgere il candore delle margherite. Le gocce di sudore ci rigano le tempie. Dopo circa tre quarti d’ora arriviamo in vetta.

Folate di vento freddo ci frustano le guance. Ci guardiamo in giro, il panorama è splendido. Una coltre di nubi bianche ricopre la pianura friulana e le vallate. A nord est le sagome del Canin, del Mangart, del Tricorno (Triglav) e del Monte Nero sono già ben definite. In basso verso ponente scorgiamo in un altipiano un gruppo di casere che formano Malga Tazacel.

 

Monte Matajur

L’arrivo dell’alba sul Monte Matajur

 

Ogni tanto ci rifugiamo nella chiesetta del Cristo Redentore per ripararci dal vento gelido. Quando mancano pochi minuti alle ore 5.30 il nostro sguardo si rivolge verso levante. Rimaniamo in silenzio, fermi, quasi timorosi di rovinare quel momento.

Poi all’improvviso una luce abbagliante ci avvolge in un abbraccio. L’attimo si era compiuto.

 

INFORMAZIONI GENERALI

Il Monte Matajur (1641 m) detto anche Monte Re o Velika Baba (nel dialetto sloveno parlato nelle valli del Natisone), è una montagna delle Prealpi Giulie e si trova proprio sul confine tra il Friuli Venezia Giulia e la Slovenia. Nelle giornate più limpide il profilo del monte è facilmente individuabile dalla pianura friulana grazie al suo inconfondibile profilo a forma di piramide.

Costruita sulle macerie della precedente cappella inaugurata nel 1901 e distrutta a seguito di un fulmine e degli eventi bellici, sorge la suggestiva chiesetta del Cristo Redentore.

 

Chiesa Cristo Redentore Monte Matajur

La chiesetta del Cristo Redentore sul Monte Matajur

 

La via più semplice per raggiungere la vetta è senz’altro il sentiero che parte proprio dietro il rifugio G. Pelizzo (1325 m). In alternativa dalla frazione di Mersino parte una mulattiera che attraversando boschi e prati in circa un’ora e mezza porta alla meta.

 

STORIA

Si narra che il monte fu scalato dal re longobardo Alboino quando arrivò nei pressi dell’Italia per ammirare da lassù la distesa della pianura.

In tempi più recenti invece il Matajur fece parte dell’ultima linea difensiva italiana durante la prima guerra mondiale. Il monte passò alla storia nella cruenta battaglia di Caporetto dell’ottobre 1917, quando il tenente Rommel ne conquistò la vetta prima di lanciare l’offensiva verso l’entroterra friulano e veneto.

 

Anfiteatro roccia Monte Matajur

I penitentes, anfiteatro roccioso sul Monte Matajur

 

COME ARRIVARE

Per chi desidera raggiungere in auto dall’Italia i sentieri che portano al Monte Matajur, il passaggio obbligato è rappresentato dalla meravigliosa cittadina di Cividale del Friuli, dal 2011 patrimonio mondiale dell’UNESCO per i Longobardi.

Lasciata Forum Iulii, come la chiamarono i Romani, si prosegue per 4 Km lungo la SS54 in direzione Slovenia. Una volta arrivati nel villaggio di Ponte San Quirino si svolta a destra, si supera il corso del fiume Natisone e si prosegue in direzione Savogna sulla SP11.

 

Mappa Monte Matajur

Come arrivare sul Monte Matajur, la mappa

 

Se fin qui la strada era salita dolcemente una volta superato il paesino inizia ad inerpicarsi con pendenze più accentuate grazie ad una serie di tornanti. Lasciato sulla sinistra l’abitato di Montemaggiore la carreggiata si fa un po’ più stretta finché dopo una manciata di chilometri si giunge al rifugio alpino G. Pelizzo.

In totale da Cividale del Friuli sono 26 Km.

Per arrivare a piedi vi consigliamo di studiare i sentieri sul sito web del CAI Friuli Venezia Giulia.

 

Margherita Monte Matajur

Margherita lungo il sentiero che porta in cima

 

DOVE MANGIARE E DORMIRE

Il rifugio alpino G. Pelizzo è aperto da Pasqua a metà novembre. La struttura offre sia servizio di accoglienza che di ristorazione.

Per gli orari e i prezzi vi consigliamo di consultare il sito web del rifugio.

 

Articolo aggiornato il 16 luglio 2018.

Photo credits: la foto della cartina è stata scaricata da Google Maps.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

  • Sara de Colle

    Bello Ste! Credo la ricorderete a lungo sia tu che Ricky questa emozione vissuta assieme. E pure vicina a casa…!

    • Grazie Sara, ho visto che anche tu di recente sei stata sul Monte Matajur. Possiamo considerarci dei fortunati in quanto abbiamo trovato due splendide giornate di sole e quindi abbiamo ammirato la nostra terra nel suo insieme da una postazione privilegiata.

    • Stefano

      Grazie Sara, ho visto che anche tu di recente sei stata sul Monte Matajur. Possiamo considerarci dei fortunati in quanto abbiamo trovato due splendide giornate di sole e quindi abbiamo ammirato la nostra terra nel suo insieme da una postazione privilegiata.

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

🇦🇱 Berat 
L’antica cittadella fortificata (Kalaja in albanaese) si raggiunge tramite una stradina lastricata in sensibile pendenza che ha inizio alcune decine di metri dopo la Moschea del Sultano. Negli spazi occupati dell’ex Cattedrale Ortodossa dedicata alla Dormizione di Santa Maria, sorge dal 1986 il Museo Onufri. La cattedrale fu costruita nel 1797 sulle fondamenta di una chiesa più antica risalente al X secolo.
.
.
In bio trovate il link all'articolo completo sul blog
.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #VisitAlbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱
Today around FVG: promozione del territorio e dei prodotti locali.
#cormons #visitcormons #fvglive #fvgphoto #yallersfvg #fvgtaste #aroundfvg #igersfvg #somewherefvg
Ricordi di viaggio.
Uno dei souvenir che abitualmente portiamo a casa da un viaggio è il vino.
. 
Oggi spaghetti alla bottarga di muggine con un ottimo Chardonnay di Chateau Purcari (Moldova).
.
.
#moldova #discovertheroutesoflife #purcari #vino #wine #winelover @guida_moldava @moldova.travel #beourguest
All'interno della cittadella fortificata di Berat, negli spazi occupati dell’ex Cattedrale Ortodossa dedicata alla Dormizione di Santa Maria, sorge dal 1986 il Museo Onufri. La cattedrale fu costruita nel 1797 sulle fondamenta di una chiesa più antica risalente al X secolo.
L’edificio presenta un’architettura tardo bizantina con un’espressione artistica in stile barocco balcanico, come evidenziato dalla pregiata iconostasi a due livelli datata 1807. Nelle sale laterali invece sono esposte numerose icone (dal XIV al XX secolo) e oggetti liturgici.
.
.
In bio il link all'articolo completo su Berat
.
.
#berat #berati #albania #albaniagoyourownway #albania🇦🇱 #albaniatourism #VisitAlbania #smilealbania😀🇦🇱
Sabato scorso siamo stati a fare shopping da #ATRIOVillach. In fase di ideazione del progetto si decise di mettere fin da subito il benessere delle persone al centro dell’esperienza, con l’eco-sostenibilità come valore di riferimento. È stato creato un ambiente piacevole illuminato anche dalla luce naturale proveniente da grandi vetrate. Gli arredamenti dei negozi sono stati realizzati con materiali ecocompatibili e sono dotati di soluzioni tecnologiche innovative.
.
Il risultato finale è un mix con ampi spazi, comfort zone, fontane d’acqua, una biblioteca condivisa e aree ludiche per bambini, che rendono lo shopping un’esperienza piacevole e rilassante. Mentre i genitori si godono la giornata, i bimbi dai 3 ai 10 anni possono divertirsi e socializzare al parco giochi Lollipop, seguiti sempre da personale qualificato.
.
.
@atrio_villachit#ShoppingSenzaConfini #villach #visitcarinthia #shopping
Udine, piazza XX Settembre 
@fvglive #fvglive #yallerfriuliveneziagiulia #yallersitalia #udine

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 30 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Moschea Nasir al Molk Shiraz

Iran - settembre 2019 (© Wikipedia)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador