Cosa vedere a Buttrio, itinerario tra ville e vini pregiati

Cosa vedere a Buttrio, itinerario tra ville e vini pregiati


Buttrio è un paese situato a poco più di dieci chilometri a sud – est di Udine e sorge lungo la direttrice che collega il capoluogo del Friuli con Gorizia.

Ci troviamo all’estremità meridionale dei Colli Orientali del Friuli, zona famosa per la produzione di pregiati vini DOC e per gli splendidi paesaggi. I dolci declivi a terrazza sono il luogo ideale per la coltivazione della vite, con il terreno formato da strati di argilla e marne calcaree, ricchi di sali minerali e microelementi.

 

Mappa Comuni Colli Orientali del Friuli

La mappa dei comuni che compongono la zona denominata Colli Orientali del Friuli

 

Sui Colli Orientali vengono coltivati dei vitigni autoctoni quali la Malvasia, il Picolit, il Pignolo, il Refosco dal peduncolo rosso, la Ribolla gialla, lo Schioppettino, il Friulano ed il Verduzzo friulano.

Come vi avevamo già illustrato negli articoli dedicati all’Abbazia di Rosazzo e al Collio Goriziano, la zona si presta perfettamente al turismo esperienziale. Stradine vallonate e poco trafficate rappresentano il terreno ideale per gli amanti della bicicletta, i sentieri che si immergono nella natura sono un invito alle camminate.

 

Giardino del Castello di Buttrio

Panorama dal giardino del Castello di Buttrio

 

Diverse aziende associate al Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo infine offrono degustazioni di vini e visite guidate alle loro strutture. Oltre ai tour del vino il territorio del comune di Buttrio offre la possibilità di visitare edifici religiosi, ville padronali, castelli e giardini.

Noi l’avevamo fatto durante l’edizione 2019 dell’evento Ville Aperte in Friuli Venezia Giulia, manifestazione promossa da alcuni comuni limitrofi in gestione associata per la promozione turistica del loro territorio.

 

Giardino di Villa Florio Buttrio

Piante nel giardino di Villa Florio

 

COME ARRIVARE A BUTTRIO:

Dall’autostrada A23 Palmanova – Tarvisio:

uscire dall’autostrada al casello di Udine Sud, poche decine di metri dopo aver pagato il pedaggio svoltare a destra e immettersi sulla Tangenziale Sud SR56. Proseguire sempre dritti per una decina di chilometri fino ad arrivare a destinazione.

 

Villa Dragoni a Buttrio

Villa Dragoni

 

Da Udine:

duecento metri dopo aver superato la stazione dei treni prendere viale Palmanova che condurrà fino alla SR56. Allo svincolo svoltare a sinistra e in sei chilometri si arriva a Buttrio.

Da Gorizia:

prendere la SR56 in direzione Cormons – Udine, in poco meno di trenta chilometri si arriva nel territorio del comune di Buttrio.

 

parco del Castello di Buttrio

Reperti nel parco del Castello di Buttrio

 

In treno:

Buttrio è raggiungibile in treno da Udine, Gorizia, Trieste e anche dall’aeroporto del Friuli Venezia Giulia (Trieste Airport), grazie al nuovo polo intermodale inaugurato nel mese di marzo del 2018.

 

DOVE MANGIARE A BUTTRIO

Sul territorio dei Colli Orientali sorgono numerosi agriturismo, trattorie, osterie ed aziende agricole nelle quali si possono assaporare i piatti tipici legati alla tradizione delle colline friulane.

 

Tagliere affettati formaggi misti Colli Orientali Friuli

Tagliere di affettati e formaggi misti friulani

 

Deliziosi taglieri di affettati e formaggi misti, gustosi primi piatti, carne di selvaggina e alla griglia, il tipico frico friulano, la rotazione dei piatti in base alla stagionalità dei prodotti, il tutto accompagnato con gli ottimi vini locali.

 

COSA VEDERE A BUTTRIO, ITINERARIO TRA VILLE E VINI DOC

Una volta arrivati a Buttrio vi consigliamo di parcheggiare l’auto in centro paese e poi di andare alla scoperta delle dimore storiche con una bella passeggiata a piedi.

Lasciata la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta sulla sinistra, prendete via Manzano e dopo poche decine di metri in lieve pendenza svoltate a sinistra su via Elio Morpurgo. Raggruppate in poche centinaia di metri troverete in rapida successione Villa Dragoni, Villa Florio ed infine il Castello di Buttrio.

Andiamo a conoscerle assieme!

 

Particolare di una porta a Villa Dragoni Buttrio

Particolare di una porta a Villa Dragoni

 

VILLA BARTOLINI – CAIMO DRAGONI – FLORIO – DANIELI

Superato il cancello d’ingresso, un vialetto in ghiaino fiancheggiato da splendidi pioppi conduce alla dimora.

Il complesso fu costruito nel XVII secolo dalla famiglia Bartolini come residenza estiva sui resti di una precedente costruzione rurale. I Bartolini erano di origine fiorentina, si trasferirono in Friuli già nella prima metà del Trecento e grazie ad una redditizia attività agricola riuscirono a costruire le loro fortune.

 

Viale accesso a Villa Dragoni Buttrio

Viale d’ingresso a Villa Dragoni

 

La villa fu successivamente di proprietà di altre nobili famiglie quali i Caimo Dragoni ed i Florio. Nel 1985 il complesso venne acquistato da Marina Danieli che iniziò un’importante opera di restauro e riqualificazione.

L’edificio è di colore bianco con gli infissi verde scuro ed ha un bel corpo centrale che si sviluppa su tre piani, collegato tramite ali laterali loggiate a due torri di forma quadrata poste alle estremità.

 

Facciata Villa Dragoni Buttrio

Facciata di Villa Dragoni

 

Un’ampia scalinata a due rampe porta al piano nobile dove è possibile ammirare degli affreschi di Francesco Chiarottini e Gian Battista Canal. Al piano terra invece sono situati i locali che ospitano la cantina mentre in mansarda, dove una volta c’era il granaio, sono stati ricavati degli spazi per riunioni e congressi.

La villa è circondata da ampi spazi verdi, tra cui un bel parco ben curato. Dal piano nobile è possibile godere di una splendida vista sulle colline che la circondano e sulla campagna friulana. Il complesso può ospitare eventi e ricevimenti e l’azienda agricola produce degli ottimi vini DOC.

 

Affreschi Villa Dragoni Buttrio

Affreschi al piano nobile di Villa Dragoni

 

VILLA DI TOPPO – FLORIO

Proseguendo per alcune decine di metri lungo via Morpurgo si giunge all’ingresso nord di Villa Florio. Il complesso è delimitato da un muro di cinta merlato sul versante meridionale e al suo interno oltre alla dimora storica si trovano anche degli edifici accessori ed un grande parco.

La villa padronale fu costruita nella prima metà del XVIII secolo dalla famiglia Di Toppo sopra una precedente abitazione, ampliata nel secolo successivo dai Florio appena subentrati in qualità di proprietari.

 

Festa Regionale del Vino Buttrio

Festa Regionale del vino

Al termine della seconda guerra mondiale la villa fu ceduta allo stato e nel 1952 fu adibita a Collegio Friulano per fanciulli mutilati, ospitando bambini e ragazzi provenienti da tutte le regioni italiane. Attualmente è proprietà del comune di Buttrio.

Il corpo centrale della villa ha forma rettangolare e si sviluppa su tre piani. Al piano terra c’è l’Info Point di Turismo FVG mentre al primo piano ci sono i locali che ogni anno ospitano anno la Fiera Regionale dei Vini, la più antica fiera enoica d’Italia.

 

Museo della Civiltà del Vino a Villa Florio Buttrio

Cimeli al Museo della Civiltà del Vino a Villa Florio

 

Nell’edificio situato in fondo al cortile, dietro a quello che ospita le scuole medie, ha sede il Museo della Civiltà del Vino che vi consigliamo di visitare.

Al suo interno potete immergervi nel mondo del vino a 360°, dalla coltivazione alla produzione, dalla valorizzazione alla distribuzione, grazie ad una collezione di oggetti e cimeli risalenti all’Ottocento e al Novecento.

Sopra la facciata del piano nobile, la porta finestra centinata è sormontata da un timpano con lo stemma dei Di Toppo. Da qui si domina un bellissimo parco che si raggiunge scendendo dapprima una doppia scalinata in muratura e successivamente un vialetto ornato di palme.

 

Museo della Civiltà del Vino a Buttrio

Cimeli al Museo della Civiltà del Vino a Villa Florio

 

Il parco di Villa Florio è stato progettato a tavolino da Giuseppe Rho nella seconda metà dell’Ottocento, commissionato da Francesco Di Toppo.

Come in tutti i giardini all’inglese si avvicendano degli elementi naturali a quelli artificiali, tra cui un laghetto, un ponticello in pietra, fontane e numerose lapidi e cippi risalenti all’epoca romana.

I reperti provengono dalla zona di Aquileia e furono sistemati nel parco in forma di “capricci”, disposizione molto diffusa in epoca romantica.

 

Parco Villa Florio Buttrio

Parco di Villa Florio

 

Il parco ospita numerose specie di piante provenienti da diverse parti del mondo, tra cui il Cedro dell’Himalaya, l’Abete Rosso, la Palma, il Gelso e il Tasso. Alcune varietà si sono adattate perfettamente all’ambiente dei Colli Orientali del Friuli, altre invece pur soffrendo le condizioni climatiche continuano a sopravvivere.

 

CASTELLO DI BUTTRIO

Il castello fu probabilmente costruito nel XI secolo in una posizione strategica sopra il colle Pampinutta. Giacomo di Buttrio nel 1219 lo donò alla città di Treviso aderendo di fatto alla Lega di Treviso, fino a quando il messo papale Ugolino di Ostia ne sciolse il legame obbligando i nobili alla fede verso lo stato patriarcale.

 

Torre originaria Castello Buttrio

La torre originaria del Castello di Buttrio

 

Come altre strutture fortificate fu più volte coinvolto in battaglie e conflitti. La più famosa è senz’altro quella che nel 1306 vide l’assedio delle truppe del Patriarca di Aquileia dopo che il castello era passato nelle mani del Conte di Gorizia.

Il castello ospitò nel tempo diverse nobili famiglie friulane, come i Signori di Buttrio, i De Portis, i Varmo (nel 1883) ed i Morpurgo (agli inizi del Novecento).

Furono proprio i De Portis a dare la fisionomia attuale alla dimora tra il XVII ed il XVIII secolo, caratterizzata da due alti torri e circondata da edifici accessori e rurali. I resti del castello originario non sono più visibili.

 

Stanze interne Castello di Buttrio

Sale interne al Castello di Buttrio

 

La villa del Settecento, dalla facciata neoclassica bianca, si sviluppa su due piani. All’esterno un giardino ben curato oltre il quale si estende una splendida vista sui colli e le vigne che la circondano.

Delimita il giardino un palazzetto gentilizio del XVII secolo che unisce due torri, quella a pianta quadrata ed originaria con una circolare costruita in epoca successiva.

Grazie ad un sottoportico situato alla base della torre quadrata si raggiungono le scuderie e i locali rustici adiacenti. La coltivazione del tabacco e l’allevamento dei bachi da seta, testimoniato dalle numerose piante di gelso presenti nel podere, erano le colture più praticate e redditizie a livello agricolo.

 

Antiche scuderie Castello di Buttrio

Le antiche scuderie al Castello di Buttrio

 

Il complesso è circondato da un vasto parco ricco di cipressi, magnolie, carpini, cedri e pini marittimi. All’interno si trova la chiesetta gotica risalente al Trecento dedicata ai Santi Gervasio e Protasio.

Sottoposto a lavori di ristrutturazione e riqualificazione negli ultimi decenni, il Castello di Buttrio è al giorno d’oggi una struttura ricettiva che offre alloggi e la possibilità di organizzare eventi. Nell’osteria infine si possono gustare i prodotti dell’azienda agricola e del territorio.

 

Chiesa Santi Gervasio e Protasio al Castello di Buttrio

Interno della chiesetta dei Santi Gervasio e Protasio al Castello di Buttrio

 

Photo credits:

la foto della mappa dei Comuni dei Colli Orientali è stata scaricata dal sito web del Consorzio tutela vini dei Colli Orientali e Ramandolo.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

Sabato scorso siamo stati a Villach in Austria 🇦🇹. Abbiamo visitato la città e poi ci siamo concessi un po' di shopping da @atrio_villachit . La struttura è stata costruita nel 2008 utilizzando materiali ecocompatibili e si avvale di un impianto energetico geotermico. Si basa sui principi della geotermia e sfrutta il calore naturale della terra grazie all’utilizzo dei pali trivellati che sostengono le fondamenta. Durante l’anno viene poi riutilizzato sia per scaldare l’ambiente durante i mesi invernali sia per climatizzare l’aria durante l’estate. 
In fase di ideazione del progetto si decise di mettere fin da subito il benessere delle persone al centro dell’esperienza, con l’eco-sostenibilità come valore di riferimento. È stato creato un ambiente piacevole illuminato anche dalla luce naturale proveniente da grandi vetrate. Gli arredamenti dei negozi sono stati realizzati con materiali ecocompatibili e sono dotati di soluzioni tecnologiche innovative. Il risultato finale è un mix con ampi spazi, zone di condivisione, fontane d’acqua e aree ludiche per bambini, che rendono lo shopping un’esperienza gradevole e rilassante. .
.
.
@atrio_villachit @atrio_villach #ShoppingSenzaConfini #atriovillach #carinzia #visitvillach #visitcarinthia
Poche centinaia di metri dopo l’inizio della salita che porta alla cittadella fortificata, in uno splendido edificio ottomano del XVIII secolo su due piani sorge dal 1979 il Museo Etnografico. Secondo noi è una delle cose più interessanti da vedere a Berat 🇦🇱 in Albania.
.
.
In Bio il link all'articolo completo sul blog
.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #visitalbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱 #berat #berati
L’antica cittadella fortificata Kalaja a Berat 🇦🇱 si raggiunge tramite una stradina lastricata in sensibile pendenza che ha inizio alcune decine di metri dopo la Moschea del Sultano. Vi consigliamo di andare alla scoperta di Kalaja senza una meta precisa, lasciandovi trasportare lungo il dedalo di vicoli in acciottolato. Dietro ad ogni angolo troverete un qualcosa di suggestivo e interessante. Posizionata in posizione defilata a strapiombo sulla rocca, sorge la chiesetta bizantina della Santa Trinità. Dovrebbe risalire al XIV secolo anche se le origini non sono certe.
.
.
In bio il link completo all'articolo sul blog
.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #VisitAlbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱 #berat
#berati #albania
Superata Stolac si entra nel territorio della Republika Srpska di Bosnia Erzegovina. Trebinje, che sorge a soli 28 chilometri da Dubrovnik e quindi dal mare, è una città molto carina da visitare e gode di un clima invidiabile con 260 giorni di sole all’anno. È circondata da colline spoglie ricoperte solo negli strati più bassi da vegetazione di basso fusto. .
La cittadella (Kaštel) si erge all’interno di alte mura ben conservate. Al suo interno ci sono un paio di moschee restaurate con orari di visita molto rigidi ed alcuni bar, dove gli anziani si radunano per socializzare e gustare un caffè.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #bosniaherzegovina🇧🇦 #bosniaherzegovina #bosniaandherzegovina #bosniaerzegovina #visitbosnia #visitbosniaandherzegovina #trebinje
Instagram
La graziosa cittadina fortificata di Stolac sorse come insediamento romano nel III secolo d.C. con il nome di Diluntum. ☆
Sorge a poche decine di chilometri da Međugorje e Počitelj in direzione sud est. Nell’abitato la vita scorre lenta come le acque del fiume Bregava che lo bagnano. La vita del paese ruota attorno alla piazza principale da poco restaurata. Sullo slargo si affacciano la bella moschea Čaršija, una chiesa ortodossa, dei bar e altri esercizi commerciali.
☆
Stolac però per noi ha significato anche altro. Per la prima volta da quando eravamo arrivati in Erzegovina infatti ci eravamo trovati di fronte alle ferite lasciate dalla guerra degli anni ’90. ☆
Link per l'articolo completo in bio
☆
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #visitbosnia #visitbosniaandherzegovina #bosniaherzegovina🇧🇦
#bosniaherzegovina #bosniaandherzegovina #stolac

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 27 altri iscritti

Next Event

Locandina ConVersando di Viaggi

ConVersando di Viaggi edizione 2019 (Udine)

Next Travel

Moschea Nasir al Molk Shiraz

Iran - settembre 2019 (© Wikipedia)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador