I Monasteri della Moldova, itinerario suggerito

I Monasteri della Moldova, itinerario suggerito


C’è un motivo valido per cui valga la pena organizzare un viaggio in Moldova? A questa domanda non avrei dubbi a rispondere di sì.

Come illustrato nell’articolo dedicato al turismo in Moldova, la piccola repubblica offre la possibilità di vivere ancora delle vere e proprie esperienze autentiche e una di queste è rappresentata dalla visita ai monasteri medioevali.

 

Cortile Monastero di Saharna Moldova

Cortile del Monastero di Saharna

 

La Moldavia storica era formata dal Principato di Moldavia, dalla Bucovina e dalla Bessarabia, mentre oggi è suddivisa a livello amministrativo tra la Repubblica di Moldova, la Romania e l’Ucraina. Insieme al principato della Valacchia, la Moldavia era una zona cuscinetto tra il regno d’Ungheria e l’avanzata dell’impero ottomano nell’Europa sud – orientale.

Il periodo di maggior splendore dell’antica monarchia si ebbe durante il regno di Ştefan cel Mare (Stefano il Grande) tra il 1457 ed il 1504. Si narra che il principe, per celebrare le vittorie riportate in battaglia contro i turchi, facesse costruire fortezze e monasteri inespugnabili.

 

Chiesa ortodossa di Orheiul Vechi Moldova

Vialetto d’ingresso alla chiesa ortodossa di Orheiul Vechi

 

Nei secoli successivi la Moldavia divenne comunque tributaria dei turchi ma questi non riuscirono a convertire la popolazione locale all’Islam, come invece accadde in altre regioni dei Balcani.

Testimoni di quel glorioso passato rimangono i famosi mona­steri dipinti della Bucovina nella Moldavia rumena, dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco, e numerosi luoghi sacri della Moldova.

 

Antica chiesa in legno di Palanca Moldova

L’antica chiesa in legno del villaggio di Palanca

 

Durante il nostro viaggio avevamo fissato la base operativa a Chişinău e poi facevamo delle escursioni giornaliere. Tra gli oltre cinquanta monasteri disseminati sul territorio ne avevamo individuati alcuni. Si trovano tutti a nord della capitale della Moldova, in un raggio di un centinaio di chilometri.

Se avrete tempo a disposizione e vi piace il turismo on the road allora vi consigliamo di andare a vedere anche le chiese dei villaggi di Cuhureştii de Sus (non lontana da Saharna) e Palanca, il monastero di Ţipova, quello di Hîncu, ed infine i monasteri che formano la cosiddetta Croce di Calarasi nella Moldova centrale (Raciula, Frumoasa, Hârjauca e Hârbovăţ).

 

Campane chiesa di Palanca Moldova

Campane della chiesa di Palanca

 

Anche in Transnistria c’è un monastero molto interessante nella località di Noul Neamţ.

Attenzione però. Come scrivevo negli articoli precedenti viaggiare in auto sulle strade moldave può risultare complicato, in quanto le vie di comunicazione secondarie sono spesso in condizioni precarie. Tenetene conto in fase di progettazione dell’itinerario.

 

La chiesa di Cuhureştii de Sus Moldova

Panorama della chiesa di Cuhureştii de Sus

 

Come in tutti i luoghi di culto è necessario rispettare alcune regole basilari sugli indumenti da indossare. Le donne per esempio devono coprirsi il capo con un fazzoletto. Se non ne avrete uno con voi, all’ingresso degli edifici ce ne sono sempre alcuni a disposizione dei fedeli.

 

I MONASTERI DELLA MOLDOVA

 

ORHEIUL VECHI

Orheiul Vechi è sicuramente uno dei luoghi più conosciuti a livello turistico di tutta la Moldova ed è situato lungo il canyon del fiume Raut.

Il complesso monastico e il vicino villaggio di Butuceni sono un vero e proprio museo a cielo aperto e distano poco più di cinquanta chilometri da Chişinău.

 

Vallata del fiume Raut Orheiul Vechi Moldova

La vallata del fiume Raut a Orheiul Vechi

 

Nel XIV secolo in queste terre si stabilirono tribù nomadi provenienti dalle steppe dell’Asia Centrale e dalla Mongolia. Nel 1368 dopo lo straripamento dei due grandi fiumi della Moldova, il Prut ed il Dnestr, i mongoli lasciarono l’area alluvionata che pian piano fu ripopolata dalle popolazioni autoctone.

Lasciata l’auto in uno spiazzo davanti ad un ristorante, dove parcheggiano anche i pullman delle comitive organizzate, avevamo intrapreso il sentiero in pietrisco e terra battuta che sale lungo il crinale della collina. Ogni tanto durante il cammino ci fermavamo per ammirare il paesaggio che ci circondava. Sulla nostra sinistra la splendida vallata del Raut, che con le sue anse si dimena tra i campi coltivati come fosse un’anguilla.

 

Casa tradizionale a Butuceni Moldova

Casa tradizionale nel villaggio di Butuceni

 

Sulla destra invece, tra il folto fogliame degli alberi, riuscivamo ad intravedere i tetti spioventi di alcune case di Butuceni. Lungo il sentiero piccole bancarelle di venditori ambulanti che oltre agli immancabili souvenir offrivano invitanti manicaretti fatti in casa.

Man mano che salivamo si stagliava sempre più grande di fronte a noi la sagoma di una cupola. Si trattava della parte superiore della torre campanaria situata all’ingresso del monastero rupestre Pestera, conosciuto anche come Santa Maria Dormata.

 

Interno Monastero Pestera a Orheiul Vechi Moldova

Interno del Monastero Pestera a Orheiul Vechi

 

Vi si accede attraverso uno stretto cunicolo. Davanti alla porta d’ingresso un monaco raccoglie le offerte dei visitatori. Il monastero risale al XV-XVI secolo, è interamente scavato nella roccia e attualmente ospita un solo monaco.

Dato che non filtra molta luce naturale l’interno è piuttosto scuro, ma le candele accese dai fedeli davanti all’altare creano un ambiente suggestivo. Il pavimento era formato da assi di legno e le pareti erano foderate da icone e quadri con rappresentazioni sacre.

Di fronte alla cappella c’è un cunicolo che porta alle celle dei monaci mentre di fianco una porticina in legno permette di raggiungere un terrazzamento naturale situato a precipizio sulla falesia. Nelle fessure della roccia i fedeli sono soliti infilare delle monetine in segno di ringraziamento.

 

Croce del Monastero di Orheiul Vechi Moldova

L’antica croce in pietra del Monastero di Orheiul Vechi

 

Una volta tornati in superficie ci eravamo spostati nei pressi di una grande croce in pietra situata proprio sopra il monastero. L’insegna risale al XVIII secolo ed è posizionata a strapiombo sulla vallata. Giunti davanti alla croce, la maggior parte dei visitatori compiono un rito pagano: fanno tre giri intorno al simbolo cristiano. Riccardo l’aveva fatto, io invece che ho paura del vuoto ero rimasto alla larga dal precipizio.

Continuando a salire lungo il crinale si arriva alla chiesa ortodossa. Rinchiusa dietro un alto muro di cinta in pietra è ben riconoscibile da lontano grazie alle sue cupole dorate che riflettono i raggi del sole.

 

Panorama vallata fiume Raut a Orheiul Vechi Moldova

Panorama sulla vallata del fiume Raut a Orheiul Vechi

 

Molti pellegrini terminano qui la loro visita. Noi invece avevamo continuato per alcune centinaia di metri. Il sentiero era fiancheggiato da bassi arbusti ed i versanti della collina erano ricoperti da un manto erboso ormai rinsecchito dal sole estivo.

Da lassù, isolati dal resto del mondo, avevamo goduto in completo silenzio di una splendida vista che ci aveva rigenerato lo spirito.

 

Panorama di Orheiul Vechi in Moldova

Panorama di Orheiul Vechi

 

Al termine eravamo scesi nel piccolo villaggio di Butuceni. La strada principale del paese è in terra battuta e avevamo incrociato contadini che si spostavano nei campi con carri trainati da cavalli. Le abitazioni di colore celeste erano rinchiuse dietro a portoni metallici dalle tinte sgargianti (di solito verde e azzurro). In paese ci sono un paio di bar ristoranti per consumare un pranzo o uno spuntino.

 

MONASTERO DI CURCHI

Nel piccolo villaggio di Curchi, situato a poco meno di sessanta chilometri a nord di Chişinău, sorge uno dei più bei complessi monastici di tutta la Bessarabia. Il complesso è immerso nel verde della splendida foresta di Codru e sorge sulla sponda del lago Vaticiu.

 

Antica quercia a Curchi Moldova

L’antica quercia nei pressi del Monastero di Curchi

 

Anche se la leggenda vuole che il monastero sia stato edificato da Ştefan Cel Mare al termine di una delle sue vittoriose campagne militari, è più plausibile che il complesso sia stato fondato nel 1773 dai fratelli Iordache e Michele Curchi. Inizialmente edificarono una piccola cappella in legno mentre successivamente iniziarono la costruzione della chiesa in pietra vera e propria.

Lasciata l’auto in un ampio parcheggio situato ad un centinaio di metri dal Mănăstirea Curchi, come viene chiamato in rumeno, costeggiando il laghetto si arriva al portone d’ingresso. Nel parcheggio è ben visibile una quercia secolare di 350 anni, posta sotto la protezione dello stato dal 1975.

 

Chiesa della Natività Monastero di Curchi Moldova

La chiesa della Natività nel Monastero di Curchi

 

Già da lontano la chiesa della Natività è ben riconoscibile grazie alle alte pareti di colore rosso granata e alle cupole scure. Vi si accede tramite un portone situato alla base di una torre campanaria, sorvegliato da un Carabiniere (qui le forze dell’ordine si chiamano come da noi in Italia).

Sia all’esterno sia all’interno i giardini e le aiuole fiorite erano ben curati. I vialetti che si diramano all’interno del complesso sono pavimentati con mattonelle quadrate in pietra scura, che contrastano con il manto verde dei prati.

 

I monasteri della Moldova

Parco all’interno del Monastero di Curchi

Il luogo emanava un tale senso di pace e tranquillità ed invitava alla preghiera e alla meditazione. I fedeli all’interno delle chiese sostavano davanti alle icone sacre e facevano il segno della croce innumerevoli volte.

La chiesa principale del monastero, che come abbiamo scritto è dedicata alla Natività (Naşterea Domnului), fu costruita nel 1872 in stile barocco su progetto dell’architetto italiano Bartolomeo Rastrelli, il quale si ispirò alla chiesa di Sant’Andrea a Kiev (Ucraina).

La cattedrale è famosa in tutta la Moldova perché la cupola raggiunge l’altezza di 57 metri ed è la più alta del paese. Il complesso in passato fu distrutto e ricostruito più volte e attualmente è composto da cinque chiese, le celle dei monaci, il refettorio e la bella torre d’ingresso.

 

Interno chiesa della Natività Monastero di Curchi Moldova

L’interno della chiesa della Natività nel Monastero di Curchi

 

Durante il periodo di occupazione sovietica il monastero fu trasformato in un ospedale psichiatrico. Rimasto abbandonato a sé stesso e quasi ridotto in rovina, dopo i lavori di restauro degli ultimi anni è stato quasi interamente riqualificato.

 

MONASTERO DI CĂPRIANA

Quello di Căpriana è senza dubbio uno dei più antichi monasteri della Moldova e sorge in un luogo pittoresco proprio in riva ad un laghetto artificiale. Come quello di Curchi anche quello di Căpriana si trova nella zona boschiva collinare dei Codrii della Bessarabia.

Situato 45 chilometri a nord ovest di Chişinău, il monastero è riconosciuto come monumento nazionale e quindi è posto sotto la supervisione statale. Sopravvissuto ai saccheggi ed alle distruzioni perpetrate dal regime sovietico, che lo aveva trasformato in un deposito merci, è giunto quasi intatto fino ai giorni nostri ed attualmente ospita dei monaci ortodossi.

 

Ingresso del monastero di Căpriana Moldova

Portone d’ingresso al monastero di Căpriana

 

La leggenda narra che al termine di una dura battaglia combattuta contro i Tartari sul fiume Dnestr, Stefano il Grande attraversò questa regione e decise di costruire un santuario per celebrare la vittoria.

Ordinò così ad un arciere di lanciare una freccia e il punto in cui sarebbe caduta avrebbe rappresentato il posto dove edificare la chiesa. Quando giunsero sul posto trovarono un cervo sanguinante trafitto dal dardo. Stefano lo interpretò come un segno di Dio e ordinò l’immediato inizio dei lavori. Battezzò il luogo con il nome di Căpriana.

 

Monastero di Căpriana Moldova

Il Monastero di Căpriana

 

Antichi documenti e ricerche svolte negli ultimi decenni confermano che in questa zona esistesse un monastero sin dai primi decenni del XV secolo. Il luogo era conosciuto con il nome di Vishnevac e l’Abate si chiamava Chiprian. Dopo la vittoriosa guerra dell’esercito russo contro gli ottomani del 1812, la Bessarabia passò sotto il controllo dello Zar e la chiesa venne ricostruita dal Metropolita Gavriil Bănulescu-Bodoni.

Si può parcheggiare tranquillamente la macchina in un piccolo slargo situato proprio di fronte al portone d’ingresso. Il monastero si trova dietro ad un alto muro di cinta.

 

Mucca al pascolo Orheiul Vechi Moldova

Mucca al pascolo

 

Il complesso è formato da tre edifici: la chiesa dell’Assunzione in stile barocco del XIV secolo con le pareti color panna, la chiesa di San Nicola risalente al XIX secolo e quella di San Giorgio del secolo scorso, oltre alla residenza del superiore, un refettorio e i dormitori.

Una curiosità. Il monastero di Căpriana è raffigurato sul retro della banconota da 1 Leu.

 

MONASTERO DI SAHARNA

Il villaggio di Saharna sorge sulla riva occidentale del fiume Dnestr a pochi chilometri dalla città di Rezina. Prima di imboccare la strada per Saharna ci eravamo fermati in una piazza dove sorge un imponente monumento ai caduti delle guerre.

 

Monumento ai caduti a Rezina in Moldova

Monumento ai caduti nelle guerre nel villaggio di Rezina

 

Una volta arrivati a Saharna, per raggiungere il monastero si deve imboccare una stradina in sensibile pendenza situata sulla destra proprio all’ingresso del villaggio. Tra quelli che abbiamo visitato, quello di Saharna è quello più lontano da Chişinău dato che dista 120 chilometri dalla capitale.

È circondato da una riserva naturale che si estende su un’area di 670 ettari e svetta nella fitta vegetazione del bosco con le sue cupole verdi e blu. I primi documenti riguardanti il monastero risalgono all’anno 1495, ma l’attuale struttura è stata fondata nel 1776 dal monaco di origine russa di nome Bartolomeo Ciungu e da alcuni confratelli.

 

Ingresso al Monastero di Saharna Moldova

Vialetto d’ingresso al Monastero di Saharna

 

Il monastero venne distrutto all’inizio del 1800 e ricostruito in pietra, circondato da giardini e cascate situate lungo il torrente Saharna. Durante l’occupazione sovietica i monaci erano stati espulsi e la struttura adibita a ospedale per bambini disabili.

Il monastero è dedicato alla Santissima Trinità (Sfinta Treime) ed è meta di numerosi pellegrinaggi in tutte le stagioni dell’anno.

 

Interno Basilica estiva Monastero di Saharna Moldova

Interno della Basilica estiva nel Monastero di Saharna

 

All’interno del complesso monastico ci sono due chiese, la basilica estiva e quella invernale, una di colore giallo e l’altra azzurra. All’ingresso dei luoghi di culto, adagiati in un grande piatto di alluminio c’erano dei cubetti di pane, tazzine in ceramica e una caraffa di acqua. Oltre alle chiese il monastero è formato dalla casa del priore, le celle dei monaci ed un refettorio dal quale proveniva un invitante profumo di zuppa di verdure.

 

La Basilica estiva Monastero di Saharna Moldova

La Basilica estiva nel Monastero di Saharna

 

Fin dal primo momento che eravamo entrati nel complesso avevamo percepito una sensazione strana. Le suore che si spostavano da un edificio all’altro non ci degnavano di uno sguardo. Un ragazzo che stava raccogliendo le foglie in cortile ci guardava con diffidenza ma nonostante diversi approcci non eravamo stati capaci di strappargli una parola di bocca. In pratica eravamo come dei fantasmi, trasparenti a tutto e tutti.

Dopo aver visitato le due chiesa ci eravamo diretti sul retro del complesso. Il santuario è conosciuto anche con l’appellativo di monastero degli uccelli. Proprio in fondo al cortile infatti ci sono delle voliere dove i monaci allevano diverse specie di volatili.

 

Monastero di Saharna Moldova campana Basilica

Cortile della Basilica estiva nel Monastero di Saharna

 

Usciti dalle mura perimetrali avevamo continuato la nostra camminata lungo un sentiero in terra battuta in mezzo al bosco. Superato un ponticello eravamo giunti in una struttura in muratura dove c’era una grande vasca. Una piscina chiamata la Sacra Fonte (Izvorul Minunilor) dove i pellegrini fanno il bagno in segno di devozione.

Più avanti lungo il sentiero che costeggia il torrente Saharna sorge l’antico monastero rupestre dell’Annunciazione (Bunavestire). Costruito nel XII secolo, sono sopravvissute al trascorrere del tempo solo alcune minuscole celle.

 

Icona religiosa Monastero di Saharna Moldova

Icona religiosa nel cortile del Monastero di Saharna

 

Nell’articolo dedicato ad un viaggio in Moldova trovate tutte le informazioni utili per pianificare la visita.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

Iran 🇮🇷 ultimo giorno
Il nostro viaggio termina qui. Fra poche ore abbiamo il volo che ci riporterà in Italia. Dentro il bagaglio portiamo a casa una marea di ricordi, ma se c'è una cosa che non dimenticheremo mai questa è la gentilezza della gente.
Il caldo, le poche ore di sonno, il traffico caotico, i clacson di auto e motorini, lo smog di Teheran sono parte integrante del viaggio. Anzi sono il viaggio. 
Con questa foto vogliamo ringraziarvi per la costanza e la passione con cui ci avete sempre seguiti. Grazie. 
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic
Esfahan [Iran 🇮🇷 day 9]
Il ❤️ di Esfahan è Naqsh-e Jahan (Imam) square. È una delle piazze più grandi del mondo grazie ai suoi 512 metri di lunghezza e i 163 di larghezza.
Sullo slargo si affacciano alcuni dei luoghi di maggior interesse della città:
Foto 2 - la moschea Masjed-e Shah
Foto 3 - la moschea Masjed-e Sheikh Loftollah
Foto 4 - il palazzo Kakh-e Ali Qapu
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #esfahan #visitesfahan
Esfahan [Iran 🇮🇷 day 8]
Esfahan è sicuramente la città più occidentale tra quelle che abbiamo visitato fin qui.
È la città dei viali alberati, dei ponti e dei giardini.
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #esfahan #visitesfahan #isfahan
Deserto di Varzaneh [Iran 🇮🇷 day 7]
Per spostarsi da una città all'altra si può scegliere tra un volo interno, una corsa in bus oppure noleggiare un driver privato.
Noi tra Yazd e Esfahan abbiamo optato per questa soluzione. Durante il tragitto siamo andati a scoprire il deserto di Varzaneh, tra laghi salati, alte dune e un campo base dove sorseggiare un the o dissetarsi con una fetta di anguria.
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #varzaneh_desert #varzaneh #desert
Yazd [Iran 🇮🇷 day 5]
Marco Polo la definì città nobile e dai grandi commerci.
Una città che ti regala un tramonto del genere mentre sei a cena non può essere che nobile e buona di spirito.
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #yazd #yazd_iran
Persepolis [Iran 🇮🇷 day 3]
Ciro, Dario, Serse e Artaserse. Ricordi dei libri di storia di tanti anni fa che si sono tramutati in realtà.
Persepolis è (era) una delle meraviglie del mondo antico e fu edificata per volere di Dario il Grande nel 520 a.C.
Nelle prime due foto è raffigurata la Porta delle Nazioni, nella sua versione originale e in quella attuale. Nella terza foto invece sono rappresentate le incisioni della Scalinata che conduce al Palazzo dell'Apadana.
#persepolis #iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 30 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Moschea Nasir al Molk Shiraz

Iran - settembre 2019 (© Wikipedia)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador