Cosa vedere (e fare) a Sarajevo dalla A alla Z

Cosa vedere (e fare) a Sarajevo dalla A alla Z


Erano anni che sentivamo il desiderio di visitare Sarajevo. Volevamo andarci perché amiamo in modo particolare i luoghi cosiddetti melting pot, dove dovrebbero convivere pacificamente culture, etnie e religioni diverse. Per noi l’ora ics scoccò nell’estate del 2017.

 

Cosa fare e vedere a Sarajevo

Il tramonto sulla città

 

Sarajevo è stata l’ultima tappa del nostro viaggio, dopo che avevamo visitato Mostar (qui trovate alcune idee su cosa vedere a Mostar) e fatto un on the road di tre giorni in Erzegovina (qui trovate il nostro itinerario in Erzegovina).

Avevamo soggiornato per cinque giorni, ma uno l’avevamo dedicato alla visita di Srebrenica e un altro all’escursione sui monti Bjelašnica, Igman e Trebević situati nei dintorni della città.

 

Pista del bob e dello slittino Monte Trebević Sarajevo

La vecchia pista del bob e dello slittino in stato di abbandono (Monte Trebević)

 

In questo articolo vi porteremo a conoscere alcuni dei luoghi di maggior interesse della città (secondo noi), stilando un elenco in ordine alfabetico delle cose da fare e vedere a Sarajevo.

 

UN PO’ DI STORIA

Sarajevo è la capitale della Bosnia ed Erzegovina e ufficialmente fu fondata dai turchi nel XV secolo, anche se i romani erano già arrivati da queste parti molti secoli prima. La città ebbe benefici immediati e divenne in breve tempo un importante crocevia sulle rotte commerciali tra oriente e occidente.

Da quel momento ne passò di tutti i colori. Nel 1697, durante gli ultimi anni della guerra austro – turca, la città venne data alle fiamme durante l’incursione militare del principe Eugenio di Savoia a capo dell’esercito austriaco.

 

Cortile della Medresa di Gazi Husrevbey Sarajevo

Il cortile della Medresa di Gazi Husrevbey

 

Due secoli più tardi la città ed il paese furono occupati dall’Impero austro – ungarico, finché nel 1914 proprio a Sarajevo l’arciduca d’Austria Francesco Ferdinando e sua moglie furono assassinati. Il tragico evento fu la goccia che fece traboccare il vaso e scatenò l’inizio della prima guerra mondiale.

Nel mese di febbraio del 1984 ospitò la XIV edizione dei Giochi Olimpici invernali ma ben presto i principi ed i valori dell’uguaglianza e della fratellanza tra i popoli, che sono alla base della Carta Olimpica, vennero spazzati via.

 

Ricordi di guerra a Sarajevo

Sullo sfondo ricordi indelebili della guerra

 

Durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina infatti la città rimase sotto assedio per quasi quattro anni, fino al 29 febbraio del 1996. Da quel momento Sarajevo ha ripreso lentamente a vivere, sia di giorno che di notte, ma soprattutto ha iniziato a convivere con il ricordo dei morti.

 

DOVE DORMIRE A SARAJEVO

La capitale della Bosnia Erzegovina presenta un’ampia offerta di alloggi in grado di soddisfare le esigenze dei visitatori.

Si va infatti dagli hotel di ogni standard alle pensioni, dagli ostelli agli alberghi, dai campeggi agli appartamenti in case private.

 

Bottega artigianale Džirlo Kovači Sarajevo

Bottega artigianale Džirlo nel quartiere di Kovači

 

Noi avevamo affittato un appartamento sulla collina del quartiere di Kovači, situato ad appena quindici minuti a piedi dalla Piazza dei Piccioni. Ci eravamo trovati molto bene, la famiglia che ci aveva ospitati ci aveva accolti a braccia aperte.

Al seguente link trovate tutte le migliori offerte per prenotare un alloggio a Sarajevo.

 

COSA VEDERE E COSA FARE A SARAJEVO

 

Se avrete poco tempo a disposizione vi consiglio di partecipare ad un tour guidato della città.

L’escursione ha una durata di 4 ore, la guida specializzata parla in inglese, nel prezzo è compreso il servizio di trasporto ed il transfer di andata e ritorno da e per gli hotel. Lo potete prenotare comodamente online cliccando sul link.

 

Monumento Fiamma Eterna Sarajevo

Il monumento della Fiamma Eterna

 

A – AVAZ TWIST TOWER

Inconfondibile nella sua struttura sinuosa in vetro dai riflessi azzurri, la torre Avaz con i suoi 172 metri di altezza è l’edificio più alto della città e sicuramente uno dei più alti dei Balcani. La costruzione iniziò nel 2006 e l’inaugurazione avvenne due anni più tardi.

È il quartier generale della testata giornalistica Dnevni Avaz e nel 2009 l’azienda di infissi tedesca Schüco la inserì nella lista dei dieci edifici più belli del mondo.

 

Avaz Tower a Sarajevo

Avaz Tower

 

Una volta giunti nella hall ovattata del complesso, si prende l’ascensore per raggiungere il 35° piano. L’area è occupata da un bar, che rappresenta il luogo ideale per concedersi una breve sosta di ristoro e relax. Successivamente si può salire al 36° piano. Lassù c’è un belvedere esterno da cui è possibile ammirare un panorama a 360 gradi di Sarajevo.

Il biglietto d’ingresso costava 1 KM.

 

A – ARS AEVI (MUSEO)

In un anonimo edificio del complesso di Skenderija sorge il Museo di Arte contemporanea Ars Aevi. Camminando tra le opere e composizioni esposte si prova una sensazione di provvisorio, di transitorio.

In effetti la percezione trova conferma nella notizia che Renzo Piano ha già pronto il progetto della nuova sede museale, ma la carenza di fondi non rende possibile al momento l’inizio dell’opera.

 

Renzo Piano progettista del museo Ars Aevi Sarajevo

Renzo Piano, il progettista del museo Ars Aevi

A – ACCADEMIA DELLE ARTI

L’Accademia delle Arti è ospitata in un elegante edificio in stile neogotico situato sulla sponda meridionale della Miljacka (il fiume che bagna la città), edificato nel 1899 come Chiesa evangelica.

Nel 2012, proprio davanti al portone d’ingresso, è stato costruito il ponte Festina Lente (Affrettati lentamente), un manufatto di nuova concezione che si avvolge su sé stesso e che si ispira alle opere del grafico olandese Maurits Cornelis Escher.

 

Interno del museo Ars Aevi Sarajevo

Opera nel museo Ars Aevi

 

B – BAŠČARŠIJA

La Baščaršija è il vecchio quartiere ottomano ed è situato all’estremità orientale della città. Si sviluppa lungo un dedalo di viuzze pedonali su cui si affacciano diversi negozi di souvenir per turisti, oreficerie, agenzie di viaggio, bar e ristoranti.

Nei vicoli più interni però è ancora possibile respirare i profumi e l’atmosfera della vecchia Sarajevo. Troverete infatti le botteghe artigianali di una volta: il barbiere, il calzolaio, l’arrotino, il sarto e chi lavora il rame.

 

Bottega artigiano Kovači Sarajevo

Bottega artigianale nel quartiere di Kovači

 

Il modo migliore (secondo noi) per vivere appieno il fascino di questa città è quello di passeggiare lungo i vicoli del centro storico, lasciandosi trasportare dalle sensazioni del momento. Fatelo in giorni ed orari diversi. La luce del sole cambia angolazione infatti e questo vi permetterà di godervi la visita sotto prospettive completamente diverse.

 

B – BUREK

Il burek (o börek) è una delle pietanze tradizionali della cucina turca e balcanica. Ha origini molto antiche, ancor prima che i turchi si muovessero dall’Asia Centrale verso occidente.

Il burek è fatto con la yufka, una pasta sfoglia sottile farcita con formaggio, carne macinata, spinaci o altre verdure. Prima di essere infornata viene spalmata con del tuorlo d’uovo sbattuto.

 

Insegna Buregdžinica Sač Sarajevo

Insegna della Buregdžinica Sač

 

Il piatto solitamente viene accompagnato con un bicchiere di yogurt o acqua naturale.

Una delle più conosciute buregdžinica (locali dove si mangia il burek) di Sarajevo si chiama Sač e si trova nei pressi della piazza dei Piccioni, proprio dietro alla moschea Baščaršijska dźamija.

 

Veduta notturna Sebilj a Sarajevo

Veduta notturna della fontana Sebilj

 

B – BURSA BEZISTAN (MUSEO)

In passato era un fiorente bazar dove si commerciavano pregiati tessuti provenienti dall’Oriente come la seta.

Il complesso fu costruito nel 1551, è sormontato da sei cupole ed oggi è la sede di una esposizione sulla storia della città.

 

C – CAFFÈ

Mentre passeggiate per le stradine di Baščaršija vi consigliamo di fermarvi in un bar e gustare un caffè (che qui chiamano kahva). In oriente il rito del caffè ha una valenza sociale, culturale e spesso è usato come pretesto per socializzare con gli altri avventori.

 

Il Caffè Turco a Sarajevo

Caffè Turco

 

Il caffè turco si prepara nel cezve, un bricco di rame e ottone avente un manico lungo. Si prende in piccole tazzine e si beve solo quando la polvere del caffè si è depositata sul fondo.

In alcuni bar assieme al caffè vengono serviti dei lokum, che non sono altro che zollette di gelatina aromatizzata.

 

C – CATTEDRALE CATTOLICA

La Cattedrale cattolica (Katedrala Srca Isusova) sorge lungo Ferhadija, la via più esclusiva della zona austro – ungarica della città.

Sul sagrato c’è una grande statua dedicata a Papa Giovanni Paolo II, che visitò Sarajevo nel 1997 e celebrò una liturgia proprio all’interno dell’edificio.

 

Statua di Papa Giovanni Paolo II Cattedrale Cattolica a Sarajevo

La statua di Papa Giovanni Paolo II sul sagrato della Cattedrale cattolica

 

D- DVORANA MIRZA DELIBAŠIĆ

Nel centro della città, sulla riva sinistra del fiume Miljacka, sorge dal 1969 il complesso di Skenderija (Centar Skenderija).

Oltre ad ospitare il museo di arte moderna Ars Aevi, è formato da una casa della gioventù, da uffici amministrativi, dalla sala delle cerimonie, dalla pista di pattinaggio su ghiaccio, da alcuni spazi adibiti a parcheggio e dal palazzo dello sport.

Quest’ultimo, che può contenere fino a 15.000 spettatori, è dedicato a Mirza Delibašić (1954-2001), il più famoso giocatore di pallacanestro bosniaco. Durante il periodo della guerra rifiutò cortesemente l’invito a trasferirsi in Spagna (aveva giocato anche nel Real Madrid) dicendo: “La mia città sta morendo. Rimango qui, morirò insieme ad essa”.

 

Palazzo delle sport Mirza Delibašić Sarajevo

Il palazzo dello sport dedicato a Mirza Delibašić

 

Alcune aree del grande piazzale antistante il complesso erano state sistemate, altre invece erano ancora in condizioni precarie: piastrelle rotte e divelte, lastroni in vetro impolverati, aree di intonaco scrostate.

 

E – EBRAICO (MUSEO)

Nel XV secolo l’impero ottomano offrì rifugio agli ebrei sefarditi che erano stati cacciati dalla Spagna.

La storia della comunità ebraica di Sarajevo è illustrata in un piccolo museo che si trova all’interno di una sinagoga del 1581, situata in Mula Mustafe Bešeskije.

 

Fontanella di acqua fresca a Baščaršija Sarajevo

Una delle tante fontanelle di Baščaršija

 

F – FONTANELLE

Passeggiando lungo le viuzze di Baščaršija troverete delle fontanelle di acqua potabile con i rubinetti in ghisa.

Le noterete subito perché durante i mesi più caldi c’è sempre la fila di persone che vogliono dissetarsi o rimpinguare le bottigliette in plastica.

 

G – GAZI HUSREVBEY (MOSCHEA)

A Sarajevo ci sono diverse moschee in funzione ma la più maestosa è sicuramente quella edificata nel XVI secolo su impulso del governatore ottomano Gazi Husrevbey.

La moschea ha una grande cupola del diametro di 13 metri, il cortile è pavimentato da lastroni in pietra e nel centro sorge un’elegante fontana per le abluzioni, con la struttura in legno, pietra e metallo.

 

La Moschea di Gazi Husrevbey Sarajevo

La Moschea di Gazi Husrevbey

 

C’è sempre un grande via vai di gente, a tutte le ore del giorno. La gente viene qui non solo per pregare ma anche per socializzare.

È sicuramente uno dei luoghi che abbiamo frequentato di più durante la nostra permanenza in città, perché ci permetteva di sederci all’ombra e ci trasmetteva un senso di pace a tranquillità.

Sul retro dell’edificio spunta un grande minareto di forma circolare che contrasta con la vicina torre dell’orologio.

Di fronte alla porta d’ingresso principale del complesso religioso, sull’altro lato di Sarači, sorge una Madrasa veramente interessante da visitare e che ospita mostre, cimeli, fotografie e testi sacri.

 

Holiday Inn a Sarajevo

Il famoso Holiday Inn

 

H – HOLIDAY INN

Inconfondibile con la sua struttura a forma di cubo ed il colore giallo sgargiante, proprio di fianco al grande viale Zmaja od Bosne (il viale dei cecchini) sorge l’hotel Holiday Inn Sarajevo.

Diventò famoso durante la guerra degli anni Novanta in quanto ospitava gli inviati della stampa internazionale.

Durante il conflitto oltre un terzo delle camere andarono distrutte da proiettili ed ordigni.

 

Il viale dei cecchini a Sarajevo

Sullo sfondo, tra i palazzi, il viale dei cecchini

 

H – HS SARAJEVSKA PIVARA

Situato nella zona sud orientale di Sarajevo, oltre la Miljacka, sorge questo storico birrificio.

Risale al 1854, periodo di dominazione austro – ungarica, ed è una vera e propria istituzione in città. Lo stabilimento si può visitare con dei tour guidati, al termine dei quali ci si può fermare nell’annessa birreria per pranzare o gustare un’ottima birra.

 

Birrificio Sarajevsko a Sarajevo

Stemma del birrificio Sarajevsko

 

I – ILIDŽA

Ilidža è un quartiere situato all’estrema periferia occidentale ed è il capolinea dei tram che parte di fronte al Sebilj. In pratica segna il confine della città.

Oltre ad ospitare alcune strutture ricettive, un campeggio e delle piscine, a poche centinaia di metri da Ilidža sorge il Parco Vrelo Bosne, un puzzle di isolette situate nei pressi della sorgente del fiume Bosna.

Non lontano da qui c’è l’aeroporto di Sarajevo ed il famoso Museo del Tunnel.

 

Panorama di Sarajevo dalle colline di Hrid

Panorama di Sarajevo dal ristorante Park Prinčeva (quartiere di Hrid)

 

K- KINO BOSNA

Se state cercando un posto dove trascorrere una serata in compagnia, bevendo una birra e ascoltando della buona musica dal vivo, allora un locale che ci sentiamo di consigliarvi è Kino Bosna. È un must della vita notturna di Sarajevo e si trova a poche decine di metri dalla moschea Alipašina.

 

Interno locale Kino Bosna Sarajevo

L’interno del locale Kino Bosna

 

Il locale è spesso affollato e se volete trovare posto vi conviene prenotare un tavolo.

L’edificio è stato costruito nel 1928. All’epoca era uno dei pochi cinema della città e si chiamava Kino Prvi Maj (Cinema Primo Maggio). Dopo la guerra degli anni Novanta è stato ribattezzato Kino Bosna e lungo le pareti sono appese le locandine dei film che hanno fatto la storia del cinema.

 

K – KOVAČI

Se avrete occasione di ammirare un panorama della città dalle colline che la circondano oppure dall’Avaz Twist Tower noterete delle macchie bianche tra le abitazioni. Sono i cimiteri.

I più vasti si trovano nel quartiere di Kovači, che si eleva dietro la Piazza dei Piccioni, e vicino allo stadio olimpico di Koševo.

 

Il cimitero di Kovači Sarajevo

Il cimitero di Kovači

 

Devo confidarvi che non ho un grande rapporto con i camposanti, ma se c’è una cosa che mi Sarajevo ha insegnato è quella di vivere con i morti. Sembra un paradosso ma è così.

Le lapidi si trovano un po’ dappertutto, nei terreni tra una casa e l’altra, negli slarghi tra le strade, tra le piante che si arrampicano sui dolci declivi che circondano il centro storico.

 

L – LINEA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE

All’intersezione tra Sarači e Ferhadija, proprio sul selciato della via, trovate la linea bianca su sfondo grigio Sarajevo Meeting of Cultures.

È sicuramente uno dei posti più fotografati della città ed è la linea di demarcazione immaginaria tra la Sarajevo ottomana e quella austro – ungarica.

 

Linea Meeting of Cultures Sarajevo

La linea Meeting of Cultures

 

Ve ne accorgerete subito. All’improvviso cambiano gli stili architettonici dei palazzi, gli arredi dei bar e la tipologia dei negozi.

SMOC (Sarajevo Meeting of Cultures) è un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro fondata nel 2012 con l’obiettivo di promuovere Sarajevo come luogo di tolleranza, pace e incontro tra culture diverse.

 

L – LATINO (PONTE)

Se il fiume Miljacka è abbastanza insignificante (almeno per noi), non si può certo dire lo stesso per i ponti.

Alcuni sono moderni e di recente costruzione, altri invece sono anonimi e costruiti ai tempi della Jugoslavia, altri infine sono di epoca ottomana e secondo noi sono i più belli.

 

Il ponte Latino Sarajevo

Il ponte Latino

 

Il ponte Latino è il più antico delle città ed è sicuramente uno dei più importanti a livello storico. Ha quattro arcate e poggia su tre pilastri. È stato costruito in pietra e gesso. Il ponte originario andò distrutto in seguito ad una alluvione nel 1791 e fu ricostruito alcuni anni più tardi.

Nei pressi del manufatto vennero assassinati l’Arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo e sua moglie dal rivoluzionario bosniaco Gavrilo Princip.

 

M – MARKALE (MERCATO)

Situato in pieno centro storico sorge il mercato ortofrutticolo cittadino di Pijaca Markale. Noi l’abbiamo frequentato spesso perchè venivamo qui a fare rifornimento di frutta fresca da consumare durante gli spuntini di metà giornata.

Il mercato è tristemente noto per i due massacri che le truppe serbo-bosniache perpetrarono sulla popolazione civile.

 

Il mercato Pijaca Markale Sarajevo

Il mercato Pijaca Markale

 

Il primo attacco avvenne il 5 febbraio del 1994, in pieno assedio della città. Al termine il bilancio fu tragico, 68 morti e 144 feriti. L’anno seguente, precisamente il 28 agosto, cinque proiettili di mortaio provocarono altri 43 morti e 75 feriti.

Sulla parete posteriore dello slargo ci sono delle targhe e lapidi che ricordano l’accaduto.

 

M – MUEZZIN

Sopra i tetti delle abitazioni spuntano decine di minareti.

Uno dei momenti più suggestivi da vivere a Sarajevo è sicuramente la chiamata alla preghiera dei muezzin, quando intonano l’adhān.

 

Cortile interno Moschea Gazi Husrevbey Sarajevo

Cortile interno della Moschea Gazi Husrevbey

 

M – MARCO BOSNIACO

Il Marco Bosniaco – BAM (suddiviso in 100 Feninga) è la valuta della Bosnia Erzegovina ed ha un tasso di cambio fisso pari a 1 € = 1,9558 BAM.

Potete cambiare gli Euro negli uffici di cambio (applicano una piccola commissione), anche se diversi esercizi commerciali accettano tranquillamente anche la nostra valuta.

 

N – NARGILA

Se vi chiedete cosa fare la sera a Sarajevo una buona idea è quella di trascorrere un momento di relax sorseggiando un tè caldo e fumando la shisha (o hookah) in uno dei numerosi Nargila Bar che si trovano in Baščaršija.

 

Il Nargila bar Damask a Sarajevo

Il nargila bar Damask

 

Questi locali sono sempre molto affollati ma l’offerta è molto ampia e quindi non avrete problemi a trovare posto. Noi avevamo provato il Damask.

Fumare il narghilè è uno dei passatempi preferiti dai giovani di Sarajevo. Nella pipa ad acqua si fuma tabacco aromatizzato a vari gusti: mela, menta, vaniglia o arancia.

 

O – OSLOBOÐENJA O ALIJA IZETBEGOVIĆ (PIAZZA)

Nel cuore della Sarajevo austro – ungarica sorge questa piazza di forma quadrata, bordeggiata da piante di medio fusto.

Sarebbe un luogo abbastanza anonimo se non fosse che sul lato meridionale c’è un’enorme scacchiera sulla pavimentazione. Per questo è conosciuta da tutti come la piazza degli scacchi.

 

Piazza degli scacchi a Sarajevo

Piazza degli scacchi (Piazza Osloboðenja o Alija Izetbegović)

 

Qui a tutte le ore del giorno troverete degli appassionati che si sfidano in coinvolgenti partite. Gli spettatori si siedono sulle panchine in legno oppure sotto il fogliame degli alberi per ripararsi dai raggi del sole nelle torride giornate estive.

 

P – PICCIONI (PIAZZA)

È la piazza più conosciuta della capitale bosniaca, il centro di gravità permanente di Sarajevo. Situata all’estremità orientale di Baščaršija proprio di fronte al capolinea del tram è sicuramente il luogo più frequentato della città.

Se la osservate sulle mappe ha la forma di un triangolo isoscele ed è soprannominata piazza dei piccioni per la costante presenza dei volatili, come in Piazza San Marco a Venezia.

È circondata da bar, venditori di kebab e negozi di souvenir per turisti, dove vendono lampade colorate, servizi da tè e caffè, pashmina e mille altre cose.

 

La fontana Sebilj Sarajevo

La fontana Sebilj nella piazza dei Piccioni

 

S – SEBILJ

In passato a Sarajevo c’erano molte fontane pubbliche di acqua potabile a forma di chiosco chiamate sebilj, ma ai giorni nostri ne è rimasta solo una.

Si trova in piazza dei Piccioni ed è sicuramente uno dei simboli della città.

L’attuale manufatto risale al periodo austro – ungarico, mentre l’originale, costruito da Mehmed Pasha Kukavica, fu abbattuto dopo essere stato danneggiato da un incendio. Sorgeva ad alcuni metri di distanza dal Sebilj odierno.

Sui gradini che circondano la fonte troverete sempre delle persone che sostano per un momento di relax oppure per farsi immortalare con l’immancabile selfie.

La fontana è molto suggestiva la sera quando viene illuminata da un sapiente gioco di luci.

 

Statua Arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo e di sua moglie Sofia (Museo Sarajevo 1878 - 1918)

Arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo e sua moglie Sofia duchessa di Hohenberg (Museo Sarajevo 1878 – 1918)

 

S – SARAJEVO 1878 – 1918 (MUSEO)

Il piccolo museo situato proprio di fronte al ponte Latino è dedicato alla storia della città durante il periodo della dominazione austro-ungarica. Grande risalto viene dato all’assassinio dell’Arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo erede al trono e di sua moglie Sofia duchessa di Hohenberg, avvenuto il 28 giugno 1914.

L’episodio fu la goccia che fece traboccare il vaso e diede inizio al primo conflitto mondiale e fu commesso proprio davanti a questo edificio.

 

S- STREET FOOD

Passeggiando lungo le vie della città troverete numerose postazioni di rivenditori ambulanti di snack e bevande.

Gli amanti dello street food possono trovare il burek, degli spiedini di patate tagliate a forma di spirale e chiamati tornado chips, oppure pannocchie cotte al vapore e cosparse di sale.

 

Burek Sač a Sarajevo

Il burek da Sač

 

T – TUNNEL D-B (MUSEO)

Tra il mese di aprile del 1992 ed il mese di febbraio del 1996 le truppe serbo – bosniache si stabilirono sulle alture che circondano la città e la misero sotto assedio.

L’unico modo per mantenere un contatto con il mondo esterno era quello di creare una via di fuga “clandestina”. Le truppe federali decisero così di costruire un tunnel sotterraneo che passasse sotto la pista dell’aeroporto. Lo chiamarono Komunikacja D-B (Dobrinja – Butmir) dal nome dei due quartieri impattati dall’opera.

La scelta logistica cadde su questa zona perché lo scalo aereo della capitale della Bosnia Erzegovina era controllato dalle forze di pace delle Nazioni Unite e quindi i lavori potevano procedere in una condizione di relativa sicurezza.

 

Ingresso del Museo del Tunnel Sarajevo

Ingresso del museo del Tunnel

 

Per costruirlo (scavando a mano da entrambi i lati) furono necessari quattro mesi e quattro giorni di lavoro e l’ingegnere che progettò l’opera si sbagliò di un solo centimetro.

Il tunnel originale aveva una lunghezza di 800 metri, ora invece ne sono rimasti agibili solo una ventina mentre il resto è andato distrutto a causa di infiltrazioni d’acqua.

Il museo del tunnel sorge nel quartiere di Butmir e l’ingresso è situato proprio nell’abitazione originaria. Dopo aver visionato un filmato che illustra i lavori di costruzione e la storia dell’assedio di Sarajevo, è possibile visitare la mostra dove sono conservati un generatore di corrente costruito con un motore di una vecchia Fiat 126 e alcuni esemplari del materiale che arrivava in città grazie al tunnel (sigarette, vivande, armi, carburanti).

La visita si conclude percorrendo il tratto del tunnel ancora agibile. Potete vederlo all’inizio del video che abbiamo girato e che riassume in pochi minuti il nostro viaggio a Sarajevo.

 

Sala da tè Džirlo a Sarajevo

La piccola sala da tè Džirlo a Kovači

 

T – TÈ

La čajdžinica Džirlo è una piccola ma affascinate sala da tè situata sulla stradina in sensibile pendenza che dal Sebilj porta verso il cimitero di Kovači e il bastione giallo.

Si trova in mezzo ad altre botteghe artigianali e propone 45 miscele di tè alcune delle quali preparate con tipiche misture bosniache.

Il locale è piccolino e quindi i divani su cui si siedono gli avventori sono spesso occupati.

 

V – VIJEĆNICA

È senza dubbio l’edificio di epoca austro-ungarica più bello ed elegante della città. Costruito nel 1892 in stile neo-moresco, nacque come palazzo del Municipio ed in seguito divenne sede della Biblioteca Nazionale.

Durante l’assedio degli anni Novanta fu colpito da una bomba incendiaria lanciata dalle milizie serbo-bosniache che distrusse gran parte dei manoscritti e libri conservati al suo interno.

 

Palazzo Vijećnica Biblioteca Nazionale Sarajevo

Palazzo Vijećnica, sede della Biblioteca Nazionale

 

In pratica fu cancellato per sempre gran parte del patrimonio letterario del paese.

L’edificio ha le inconfondibili facciate di colore giallo a strisce rosse, dopo decenni di abbandono la Vijećnica ha ripreso vita ed i lavori di ricostruzione le hanno donato i fasti di un tempo.

Ai giorni nostri viene utilizzata come location per importanti eventi culturali, artistici ed economici.

 

V – VRBANJA o SUADA E OLGA (PONTE)

Come scrivevo in precedenza alcuni dei ponti di Sarajevo rivestono un particolare significato a livello storico e sociale. Uno di questi è il ponte Vrbanja.

Di primo acchito è uno dei ponti più anonimi della città, ad essere sincero è anche uno dei più brutti da vedere con i suoi parapetti metallici.

 

Targa in ricordo di Suada Dilberović e Olga Sučić a Sarajevo

Targa in ricordo di Suada Dilberović e Olga Sučić (ponte Vrbanja)

 

In origine il manufatto si chiamava Ćirišhana, che in turco significa fabbrica di colla (che si trovava proprio vicino al ponte). In era jugoslava fu ribatezzato Vrbanja, poi dal 1996 è stato rinominato e dedicato a due ragazze, Suada Dilberović e Olga Sučić, che furono le prime vittime civili dell’assedio di Sarajevo nel 1992.

Sullo stesso ponte c’è un’altra lapide. Ricorda Moreno Locatelli, volontario dei Beati Costruttori di Pace, ucciso da un cecchino il 3 ottobre 1993.

 

Targa in ricordo di Moreno Locatelli Sarajevo

La targa in ricordo di Moreno Locatelli (ponte Vrbanja)

 

Z – ŽELJEZNIČAR FK

Oltre alla pallacanestro lo sport più popolare in Bosnia Erzegovina è sicuramente il calcio. Una delle due squadre della città si chiama Željezničar, club del quartiere di Grbavica, mentre l’altra è il F.K. Sarajevo (Fudbalski Klub Sarajevo).

Il nome della squadra significa “ferroviere”, in quanto fu fondato nel 1921 da un gruppo di ferrovieri appassionati di fudbal come si dice da queste parti (o nogomet).

 

Il ponte Vrbanja a Sarajevo

Il ponte Vrbanja (conosciuto anche come il ponte di Olga e Suada)

 

Il mio elenco delle cose da vedere e fare a Sarajevo finisce qui. Ora chiedo un aiuto a voi.

Per terminare l’alfabeto mi mancano le lettere J – Q – R – U – W – X – Y. Mi potreste dare una mano per completare l’alfabeto?

Grazie mille.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

Due passi in centro a Udine ❤
#udine #udin #fvglive #fvg #fvgphoto #igersfvg #fvgphoto #yallersfvg #yallersitalia #yallersfriuliveneziagiulia #udinecentro
Somewhere in #fvg 
ph. Elisabetta 
#fvglive #igersfvg #yallersfvg #autumn #autunno🍁
Dopo una giornata in fiera al #ttg19 di Rimini, la serata si conclude così.
#traditionalfood #foodporn #travelblogger #travelling #travelling #emiliaromagna #romagna #misanoadriatico
Stiamo arrivando. From Udine to Rimini #RoadToTTG19 
#ttg19 #iegexpo
Iran 🇮🇷 ultimo giorno
Il nostro viaggio termina qui. Fra poche ore abbiamo il volo che ci riporterà in Italia. Dentro il bagaglio portiamo a casa una marea di ricordi, ma se c'è una cosa che non dimenticheremo mai questa è la gentilezza della gente.
Il caldo, le poche ore di sonno, il traffico caotico, i clacson di auto e motorini, lo smog di Teheran sono parte integrante del viaggio. Anzi sono il viaggio. 
Con questa foto vogliamo ringraziarvi per la costanza e la passione con cui ci avete sempre seguiti. Grazie. 
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic
Esfahan [Iran 🇮🇷 day 9]
Il ❤️ di Esfahan è Naqsh-e Jahan (Imam) square. È una delle piazze più grandi del mondo grazie ai suoi 512 metri di lunghezza e i 163 di larghezza.
Sullo slargo si affacciano alcuni dei luoghi di maggior interesse della città:
Foto 2 - la moschea Masjed-e Shah
Foto 3 - la moschea Masjed-e Sheikh Loftollah
Foto 4 - il palazzo Kakh-e Ali Qapu
#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #esfahan #visitesfahan

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 31 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Quadri porta San Floriano Cracovia

Cracovia (febbraio - marzo 2020)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador