Cucina Croata, i piatti tipici da provare in Istria

Cucina Croata, i piatti tipici da provare in Istria


La penisola dell’Istria si trova all’estremità settentrionale del mare Adriatico ed è suddivisa tra Slovenia (una piccola parte) e soprattutto Croazia. Dopo avervi fatto scoprire negli ultimi mesi i paesaggi e la cultura dell’entroterra dell’Istria croata, in questo articolo invece approfondiremo gli aspetti della cucina croata – istriana.

Va subito detto che grazie alla vicinanza geografica ed i trascorsi storico politici con l’Italia e l’Impero austro – ungarico, la regione dell’Istria venga considerata una delle migliori zone a livello enogastronomico dell’intera Croazia.

Se sulla zona costiera è d’obbligo gustare le numerose specialità a base di pesce fresco, per esempio nelle famose località di Rovinj, Poreč, Pula e Opatija, nel cuore della regione invece la cucina tipica istriana varia in base alla stagionalità dei prodotti della terra.

 

Panorama Opatija Croazia

Panorama di Opatija

 

A livello morfologico infatti l’Istria presenta una costa prevalentemente frastagliata mentre l’interno della penisola ha una conformazione collinare e montuosa. Sulle alture si ergono splendidi borghi medioevali dove la vita scorre lenta ed il tempo sembra essersi fermato. Sui dolci declivi invece tra appezzamenti di terreno adibiti a pascolo si possono ammirare le linee geometriche dei filari di viti e degli uliveti.

Se visiterete l’entroterra in tranquillità, lontano dalle folle della costa, potrete vivere delle vere e proprie esperienze autentiche. Fermatevi per esempio in una fattoria a degustare i deliziosi olii d’oliva delle varietà autoctone (bjelica, buža e črnica), oppure i vini locali che ultimamente stanno ricevendo consensi anche a livello internazionale.

 

Panorama Buzet Istria

Panorama di Buzet (Pinguente), borgo famoso per il tartufo istriano

 

Il piccolo villaggio di Buzet (Pinguente) è un luogo eccellente per una sosta enogastronomica e non solo, in quanto la valle del fiume Quieto che gli scorre a fianco è l’ecosistema ideale per la crescita e proliferazione del prezioso tartufo bianco istriano.

Che ne dite, andiamo a conoscere i piatti tipici croati ed in particolare quelli della cucina istriana? Io direi di sì, a me è venuto un certo appetito, e a voi?

Da quello che abbiamo potuto osservare durante la nostra visita, un pranzo inizia quasi sempre con un bicchierino di Biska come aperitivo. Si tratta di un liquore ricavato dalla macerazione delle foglie di vischio nella grappa, prodotto secondo un’antica ricetta celtica. Le foglie vengono raccolte in primavera e autunno, essiccate e successivamente messe a macerare nella rakija, la grappa come viene comunemente chiamata nei Balcani.

 

CUCINA CROATA – ISTRIANA

PRIMI PIATTI

Se nei ristoranti delle famose località balneari i primi piatti variano tra pasta e risotti a base di scampi alla busera, astice e frutti di mare, nelle konobe e agriturismi dei piccoli borghi dell’entroterra vanno di moda la juha, un brodo fatto con carne di pollo e manzo che richiede una lunga cottura a fuoco lento, oppure la maneštra, un minestrone di verdure, fatto con fagioli, ceci e verdure di stagione.

 

Fuži conditi con žgvaceti Istria

Fuži conditi con lo žgvaceti, agriturismo Golorički Dol

 

Se invece preferite concentravi su piatti asciutti, allora i ravioli ripieni di ricotta, i fuži, i pljukanci e gli njoki (gnocchi) conditi con lo žgvaceti (un gulasch denso di manzo o di selvaggina) sono quello che fa per voi.

I fuži sono una pasta all’uovo fatta in casa simili ai garganelli e rappresentano un must della gastronomia istriana, così come i pljukanci, un altro tipo di pasta affusolata solitamente preparata con un soffritto di prosciutto crudo e cime d’asparago selvatico, oppure con sugo di salsicce.

In alternativa alle minestre ed alla pasta potete optare per gustosi taglieri di affettati misti e formaggi di pecora e capra, tipiche specialità locali. Il prosciutto istriano (istarski pršut) non manca mai, così come le salsicce (kobasice), il formaggio caprino (ovčji sir), il formaggio al tartufo (kravlji sir s tartufima), le olive ed i sottaceti.

 

Cucina croata Istria

Tagliere di salumi e formaggi misti, konoba Vela Vrata a Beram (Vermo)

 

SECONDI PIATTI

Se volete concentrarvi sulle specialità a base di pesce allora noi vi consigliamo di provare il bakalar na crveno, preparato seguendo la ricetta tradizionale dalmata. I filetti di merluzzo (baccalà) vengono lentamente cucinati con patate e salsa di pomodoro.

In alternativa potete gustare i prodotti del fiordo di Lim (Lemme), come le deliziose ostriche, i branzini, le orate e le cozze.

 

Pesce misto alla griglia Istria Croazia

Pesce misto alla griglia

 

I secondi piatti nel cuore della regione invece sono generalmente a base di carne come l’ombolo (cotoletta di maiale), le salsicce fatte in casa, braciole di maiale, i famosi ćevapčići (polpettine simili alle salsicce preparati con carne trita e speziata), gli spiedini di carne alla brace (ražnjići) accompagnati da verdure di stagione.

 

DOLCI TIPICI CROATI

Sfiziosi sono i dolci tipici croati. Le palačinke sono delle crêpes ripiene di skuta (ricotta), miele o nutella che si cucinano in diversi paesi dei Balcani. Le fritule (frittelle) ed i kroštoli (crostoli) invece sono simili ai dolci tipici del nostro carnevale. Io vi invito a provare anche la povitica, uno strudel con mele e noci.

 

Vino Teran Istria

Degustazione di vino Teran, konoba Vela Vrata a Beram (Vermo)

 

VINI CROATI

Grazie al suo particolare microclima in Istria si producono degli ottimi vini autoctoni, che negli ultimi anni stanno ricevendo diversi apprezzamenti anche a livello internazionale.

Nelle piccole aziende vinicole a conduzione famigliare si possono gustare il Teran (Terrano) un rosso corposo che viene prodotto anche sulle alture del Carso sopra Trieste ed in Slovenia, ed il Borgonja, un rosso non troppo forte dal profumo intenso ed armonico.

La Malvazija Istarska (Malvasia Istriana) invece è un vino bianco dal gusto asciutto e profumato, mentre il Moscato di Momiano è un vino bianco dolce, raffinato e dal gusto amabile.

 

E voi in base alle vostre esperienze sulla cucina croata avete qualche suggerimento da aggiungere? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

🇦🇱 Berat L’antica cittadella fortificata (Kalaja in albanaese) si raggiunge tramite una stradina lastricata in sensibile pendenza che ha inizio alcune decine di metri dopo la Moschea del Sultano. Negli spazi occupati dell’ex Cattedrale Ortodossa dedicata alla Dormizione di Santa Maria, sorge dal 1986 il Museo Onufri. La cattedrale fu costruita nel 1797 sulle fondamenta di una chiesa più antica risalente al X secolo...In bio trovate il link all'articolo completo sul blog..#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #VisitAlbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱
Today around FVG: promozione del territorio e dei prodotti locali.#cormons #visitcormons #fvglive #fvgphoto #yallersfvg #fvgtaste #aroundfvg #igersfvg #somewherefvg
Ricordi di viaggio.Uno dei souvenir che abitualmente portiamo a casa da un viaggio è il vino.. Oggi spaghetti alla bottarga di muggine con un ottimo Chardonnay di Chateau Purcari (Moldova)...#moldova #discovertheroutesoflife #purcari #vino #wine #winelover @guida_moldava @moldova.travel #beourguest
All'interno della cittadella fortificata di Berat, negli spazi occupati dell’ex Cattedrale Ortodossa dedicata alla Dormizione di Santa Maria, sorge dal 1986 il Museo Onufri. La cattedrale fu costruita nel 1797 sulle fondamenta di una chiesa più antica risalente al X secolo.L’edificio presenta un’architettura tardo bizantina con un’espressione artistica in stile barocco balcanico, come evidenziato dalla pregiata iconostasi a due livelli datata 1807. Nelle sale laterali invece sono esposte numerose icone (dal XIV al XX secolo) e oggetti liturgici...In bio il link all'articolo completo su Berat..#berat #berati #albania #albaniagoyourownway #albania🇦🇱 #albaniatourism #VisitAlbania #smilealbania😀🇦🇱
Sabato scorso siamo stati a fare shopping da #ATRIOVillach. In fase di ideazione del progetto si decise di mettere fin da subito il benessere delle persone al centro dell’esperienza, con l’eco-sostenibilità come valore di riferimento. È stato creato un ambiente piacevole illuminato anche dalla luce naturale proveniente da grandi vetrate. Gli arredamenti dei negozi sono stati realizzati con materiali ecocompatibili e sono dotati di soluzioni tecnologiche innovative..Il risultato finale è un mix con ampi spazi, comfort zone, fontane d’acqua, una biblioteca condivisa e aree ludiche per bambini, che rendono lo shopping un’esperienza piacevole e rilassante. Mentre i genitori si godono la giornata, i bimbi dai 3 ai 10 anni possono divertirsi e socializzare al parco giochi Lollipop, seguiti sempre da personale qualificato...@atrio_villachit#ShoppingSenzaConfini #villach #visitcarinthia #shopping
Udine, piazza XX Settembre @fvglive #fvglive #yallerfriuliveneziagiulia #yallersitalia #udine

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 30 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Moschea Nasir al Molk Shiraz

Iran - settembre 2019 (© Wikipedia)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador