Natale in Polonia, tra usanze e tradizioni

Natale in Polonia, tra usanze e tradizioni


Natale è sicuramente una delle feste più sentite in tutto il mondo e un paese profondamente cattolico come la Polonia non fa eccezione.

L’atmosfera è unica, ricca di fascino, di usanze e tradizioni e per diverse persone rappresenta un giorno di condivisione, di gratitudine e di attenzione verso le persone meno fortunate. Per altri invece ha un significato più consumistico. Ma è anche un’occasione per ricordare i propri cari che non ci sono più.

 

MERCATINI DI NATALE

Come in numerose località europee anche in Polonia vengono allestiti i tradizionali mercatini di Natale, che qui si chiamano Jarmak Bożonarodzeniowy.

Con oltre cento anni di tradizione, uno dei più famosi del paese è senza dubbio quello di Cracovia. La città mantiene il suo fascino durante tutto l’anno ma durante le feste natalizie viene avvolta da un’atmosfera ricca di magia.

Le bancarelle arricchiscono Rynek Głowny (la grande piazza del Mercato) di colori, profumi, odori, creazioni e opere d’arte nate dalle mani sapienti dei maestri artigiani, per la gioia di grandi e piccini.

Vi consiglio di abbinare la visita con il Free Tour del centro storico. Il giro inizia da Mały Rinek (la piazza situata dietro la Basilica dell’Assunta), è gratuito e la guida parla italiano. È possibile iscriversi senza impegni cliccando sul link.

Quest’anno il mercatino di Natale di Cracovia verrà inaugurato il 29 novembre e durerà fino a Santo Stefano. Alcune bancarelle comunque rimarranno aperte fino all’Epifania.

 

Centrotavola natalizio casa Polonia

Centrotavola natalizio

 

NATALE IN POLONIA: USANZE

Iniziamo col dire che in Polonia il momento più solenne e importante è rappresentato dalla sera della Vigilia di Natale, la Wigilija come la chiamano lassù. Più del giorno di Natale vero e proprio.

Quando scendono le prime ombre della sera e in cielo appare la prima stella, le famiglie si ritrovano attorno alla tavola già imbandita. Tradizione vuole che venga preparato sempre un posto in più come segno di ospitalità ed accoglienza verso una persona che potrebbe bussare alla porta all’improvviso.

Prima di sedersi a tavola si celebra il rito chiamato dzielenie się opłatkiemdurante il quale viene letto un versetto della Bibbia riguardante la Natività. Al termine ci si scambia gli auguri per la Vigilia di Natale spezzando e consumando tutti assieme un pezzetto di ostia.

Pensate che ogni anno la mamma di Elisabetta ce la invia in Italia per posta e pochi giorni prima di Natale arriva puntuale nella nostra casa.

 

Ulica Floriańska addobbata per Natale Cracovia

Cracovia, Ulica Floriańska durante il periodo natalizio (© Cinzia Magagnato)

 

PIATTI NATALIZI

Terminato il messaggio augurale ci si siede a tavola ed ha inizio la cena della Vigilia di Natale. Ancora oggi sotto la tovaglia si usa sparpagliare qualche stelo di fieno.

Il menù tradizionale del cenone della Vigilia di Natale prevede la bellezza di dodici pietanze, poi però ogni famiglia è libera di gestirsi come vuole in base ai propri gusti ed ai prodotti del territorio.

 

Street food a Cracovia

Street food natalizio a Cracovia (© Cinzia Magagnato)

 

Andiamo a vedere assieme che prelibatezze troviamo in tavola. Vi va?

Iniziamo col dire che non troveremo nessun piatto a base di carne tra i cibi natalizi mentre è ammesso il pesce, anzi tra le pietanze obbligatorie ci deve essere sempre la carpa, preparata comunque secondo ricette diverse.

Noi per comodità e per testimonianza diretta vi elenchiamo una serie di ricette della vigilia di Natale tipiche della regione di Cracovia (al seguente link trovate tutte le informazioni utili per organizzare un viaggio a Cracovia), influenzate dalle origini contadine della popolazione.

 

Cena Vigilia Natale Polonia

Tavola imbandita per la cena della Vigilia di Natale

 

Incominciamo dai primi

Il piatto con cui si apre sempre la cena della Vigilia di Natale è il barscz cerwony z uszkami, un brodo di rape rosse servito con tortellini ripieni di funghi e verdure. Per rimanere in tema di minestre citiamo la zupa grzybowa, una zuppa a base di funghi porcini oppure la grochówka wigilijna, zuppa di fagioli e pasta fatta in casa simile ai nostri tagliolini.

I pierogi z kapusta rappresentano la pietanza della cucina polacca più apprezzata e conosciuta dai turisti. Questi tipici ravioli durante le feste natalizie vengono serviti ripieni di cavolo cappuccio bianco, funghi porcini e burro chiarificato, mentre durante il resto dell’anno il ripieno può essere anche a base di carne. C’è anche la versione dolce dei ravioli detta pierogi z suszonymi śliwkami, con un ripieno di prugne secche, miele, uva passa e scorza d’arancia.

 

Piatti cena Vigilia Natale Polonia

Tavola imbandita per la cena della Vigilia di Natale

 

Passiamo ai secondi

La wigilijny karp è uno dei pesci più apprezzati dalle famiglie polacche tra i piatti di Natale. Si può preparare in diversi modi ma quello più conosciuto è “all’ebraica”. Le carpe vengono servite fredde immerse nella gelatina naturale del pesce stesso, con mandorle e uvetta.

Un altro piatto a base di pesce è lo śledź marynowany, aringhe marinate con aceto e cipolla, servite su richiesta con panna acida. Gli involtini di verza invece si chiamano gołąbki, sono ripieni di riso e funghi porcini e vengono serviti caldi con un sugo di pomodoro o panna.

 

Formaggi tipici della Polonia

Formaggi tipici polacchi (© Cinzia Magagnato)

 

Contorni

Il cavolo cappuccio bianco è una delle verdure più usate nella cucina polacca. I kapusta z grochem (cappucci con fagioli) non mancano mai, così come l’insalata russa detta sałatka jarzynowa.

Potevano mancare i dolci?

Certo che no! Allora iniziamo con il Makowiec, sfizioso dolce natalizio a forma di rotolo e ripieno di semi di papavero (simbolo di abbondanza e fertilità), miele, noci e uva passa.

Un altro dolce di Natale della tradizionale è il Sernik. Si tratta di una torta di ricotta e uva passa, ricoperta da uno strato di cioccolata fondente.

Bevande

Il Kompot z suszu wigilijny è una delle bevande più consumata in Polonia. Si tratta di uno squisito succo di frutta preparato in casa cuocendo mele, frutta secca, prugne, pere, scorze d’arancia, chiodi di garofano e cannella.

 

Albero Natale Caminetto casa polacca

Atmosfera natalizia in una casa polacca

 

COME SI FESTEGGIA IL NATALE

Al termine della cena arriva il momento più atteso dai bambini. Ci si sposta infatti tutti assieme nei pressi dell’albero illuminato e si scartano i regali. La serata però non termina certo qui. In un paese dalle forti radici cattoliche come la Polonia, la notte di Vigilia si conclude in chiesa con la Messa di Mezzanotte, uno dei momenti liturgici più attesi dai credenti.

 

Ah dimenticavo, come si dice Buon Natale in polacco? Wesołych Świąt Bożego Narodzenia. 

 

Photo credits:

  • grazie di cuore alla nostra amica Cinzia Magagnato che ci ha donato alcune foto. Seguitela sui suoi profili social, pubblica sempre splendide foto.
  • le due foto delle tavole imbandite sono state scaricate da Google Immagini e precisamente dai siti Smaki-miasta.pl e Sdpolishdeli.com

 

Articolo aggiornato il 22 ottobre 2019.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

Due passi in centro a Udine ❤#udine #udin #fvglive #fvg #fvgphoto #igersfvg #fvgphoto #yallersfvg #yallersitalia #yallersfriuliveneziagiulia #udinecentro
Somewhere in #fvg ph. Elisabetta #fvglive #igersfvg #yallersfvg #autumn #autunno🍁
Dopo una giornata in fiera al #ttg19 di Rimini, la serata si conclude così.#traditionalfood #foodporn #travelblogger #travelling #travelling #emiliaromagna #romagna #misanoadriatico
Stiamo arrivando. From Udine to Rimini #RoadToTTG19 #ttg19 #iegexpo
Iran 🇮🇷 ultimo giornoIl nostro viaggio termina qui. Fra poche ore abbiamo il volo che ci riporterà in Italia. Dentro il bagaglio portiamo a casa una marea di ricordi, ma se c'è una cosa che non dimenticheremo mai questa è la gentilezza della gente.Il caldo, le poche ore di sonno, il traffico caotico, i clacson di auto e motorini, lo smog di Teheran sono parte integrante del viaggio. Anzi sono il viaggio. Con questa foto vogliamo ringraziarvi per la costanza e la passione con cui ci avete sempre seguiti. Grazie. #iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic
Esfahan [Iran 🇮🇷 day 9]Il ❤️ di Esfahan è Naqsh-e Jahan (Imam) square. È una delle piazze più grandi del mondo grazie ai suoi 512 metri di lunghezza e i 163 di larghezza.Sullo slargo si affacciano alcuni dei luoghi di maggior interesse della città:Foto 2 - la moschea Masjed-e ShahFoto 3 - la moschea Masjed-e Sheikh LoftollahFoto 4 - il palazzo Kakh-e Ali Qapu#iran #visitiran #iran🇮🇷 #iran_tourism #iran_travel #irantravel #iran_insta_pic #esfahan #visitesfahan

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 31 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Quadri porta San Floriano Cracovia

Cracovia (febbraio - marzo 2020)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador