Il significato della bandiera Australiana

Il significato della bandiera Australiana


La bandiera australiana. Fin dal tempo delle scuole mi chiedevo quale fosse il significato delle stelle che la compongono, ma non ero mai riuscito a darmi una risposta.

Se per praticità descrittiva la dividiamo in due parti uguali, nella metà di destra troviamo raffigurata la costellazione della Croce del Sud (e fin qui non ci piove) mentre nella metà di sinistra, sotto l’Union Jack britannica, c’è una sola stella, la più grande, la più misteriosa. La stella dei miei turbamenti.

 

Bandiera Australia

La bandiera dell’Australia

 

Non è venuta un po’ di curiosità anche a voi?

ALLA RICERCA DEL SIGNIFICATO DELLA BANDIERA AUSTRALIANA

I fatti

Dampier Peninsula (Territorio Aborigeno, Western Australia, 9 luglio 2008)

Viaggiammo in undici sulla Land Cruiser della Roger Chomley’s Tour con carrello rimorchio al seguito. Roger aveva (ha?) un’agenzia a gestione famigliare specializzata in tour a Cape Leveque. Pochi chilometri dopo aver lasciato l’abitato di Broome prendemmo una pista sterrata che in un centinaio di chilometri ci portò alla prima tappa di giornata, il villaggio di Beagle Bay.

 

Mappa Dampier Peninsula Australia

La cartina della Dampier Peninsula (Western Australia)

 

Il paesino è famoso soprattutto per la chiesa del Sacro Cuore con il suo bellissimo altare di madreperla, ma anche perché la comunità aborigena locale conta alcune persone di pelle bianca originarie della Germania. Fu il primo e unico caso di integrazione tra uomo bianco ed indigeni che incontrammo durante il viaggio. Dopo aver visitato il piccolo luogo sacro, mentre noi incominciavamo a famigliarizzare con i compagni di avventura, il capo spedizione preparò in un battibaleno i viveri per lo spuntino di metà mattinata. La giornata era molto calda nonostante fossimo in pieno inverno australe.

 

Chiesa Beagle Bay Australia

La chiesa del Sacro Cuore a Beagle Bay (Western Australia)

 

Ripartimmo su una pista di terra rossa alla volta di Mudnunn, località situata sulla costa orientale della penisola. Tra una fitta vegetazione di eucalipti all’improvviso sbucarono due guide aborigene. Dopo un breve pour parler ci accompagnarono sulla spiaggia e approfittando della bassa marea raggiungemmo la foresta di mangrovie per la pesca dei granchi.

L’attività non fu per niente semplice come potrebbe sembrare, il fondale infatti era molto umido e quindi i piedi affondavano facilmente nella sabbia. Il nostro incedere verso le pozze d’acqua sotto il sole cocente fu molto faticoso. Al termine la pesca fruttò solo tre grossi esemplari.

 

Pesca granchi Mudnunn Australia

Si parte per la pesca dei granchi a Mudnunn (Western Australia)

 

Vennero immediatamente messi sulla brace a cucinare, aperti con un coltello di grosse dimensioni ed offerti come assaggio alla truppa. Mentre le stavamo salutando le guide si accorsero che il loro vecchio e scassato Land Cruiser aveva la batteria scarica e quindi non riuscivano a metterlo in moto.

Tirammo fuori i cavetti, collegammo gli elettrodi alle batterie dei due fuoristrada e provammo l’avviamento un paio di volte senza successo. Passammo allora al piano B. Tirammo fuori un grosso cavo da traino, lo collegammo al gancio dei due mezzi e partimmo lentamente, senza strappi. Questa volta l’operazione ebbe esito positivo e così potemmo lasciare le guide al loro destino e ripartire alla volta di Cape Leveque.

 

Spiaggia Cape Leveque Australia

La spiaggia bianca di Cape Leveque (Western Australia)

 

Una volta arrivati al Visitor Center di Cape Leveque ci addentrammo tra le dune di sabbia per arrivare fino alla spiaggia. Sapevamo tutti che una volta là ci aspettava un sostanzioso picnic lunch e quindi eravamo di buon umore. All’improvviso però le gomme posteriori sprofondarono nella sabbia ed il mezzo si insabbiò. Questa proprio non ci voleva.

Dapprima sgonfiammo di qualche atmosfera i pneumatici, poi provammo a togliere un po’ di sabbia da sotto le gomme con l’uso di una pala. Niente da fare. Infine escogitammo la mossa della disperazione: io, due ragazze di Melbourne ed una signora anziana chinammo la schiena dietro il rimorchio e facendo pressione con le braccia tese provammo a spingere la jeep fuori da questa impasse. Al terzo tentativo finalmente il mezzo ripartì e cantammo vittoria. La nostra conquista fu un paesaggio mozzafiato: spiaggia di sabbia bianca racchiusa da una corona di rocce rosse, mare azzurro cristallino.

 

Picnic spiaggia Cape Leveque

Pic-nic lunch sulla spiaggia di Cape Leveque (Western Australia)

 

Mentre Roger preparava il campo per il pranzo, noi passeggiammo lungo la battigia raccogliendo conchiglie e contemplando il panorama che ci circondava. Il luogo era ovattato. Di tanto in tanto il silenzio veniva rotto solo dalle grida dei gabbiani.

Ad un certo punto vinsi la mia timidezza, mi avvicinai alla bionda (non quella che mi sopporta da quasi trent’anni, ma una delle due di Melbourne) e gli buttai lì: “mi potresti spiegare il significato della stella che si trova sotto l’Union Jack nella vostra bandiera?”

Detto fatto. La stella, chiamata anche Stella del Commonwealth, ha sette punte: sei punte rappresentano i sei stati che formano la confederazione australiana: New South Wales (qui trovate il nostro articolo su cosa vedere in 4 giorni a Sydney, la capitale), Queensland, Victoria, South Australia, Tasmania e Western Australia. La settima punta invece rappresenta i due territori: il Northern Territory e l’Australian Capital Territory (ACT), che inviano i loro rappresentanti al parlamento federale ma non hanno diritto di voto.

 

Tramonto Cape Leveque Australia

Tramonto a Cape Leveque (Western Australia)

 

Risolta l’annosa questione concludemmo degnamente la giornata andando ad ammirare il tramonto seduti sulle scogliere di Cape Leveque, le Red Cliffs.

Conclusioni

Ma siamo proprio sicuri che la bandiera australiana sia quella che vi ho appena illustrato?

Ho qualche dubbio, probabilmente la vera bandiera dell’Australia è questa, quella che accomuna la popolazione aborigena, i nativi australiani.

La bandiera aborigena è nata nel 1971 dall’idea del pittore della tribù degli Iuritja Harold Thomas e dal 14 luglio 1995 è riconosciuta dal governo come “una” bandiera dell’Australia.

Il significato della bandiera aborigena è semplice ed è legato alla storia di queste popolazioni. Il colore nero della metà superiore rappresenta il colore della pelle degli aborigeni, il rosso della metà inferiore invece il colore della terra su cui camminano, tanto che l’Australia è chiamata anche il continente rosso. Il cerchio giallo infine rappresenta il sole.

 

Bandiera Aborigeni Australiani

La bandiera aborigena, una delle bandiere dell’Australia

 

Articolo aggiornato il 18 luglio 2018.

 

Photo credit: le fotografie delle due bandiere sono state scaricate da Google Immagini mentre la foto della mappa da Google Maps.

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Fanpage

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

Instagram

🇦🇱 Berat 
L’antica cittadella fortificata (Kalaja in albanaese) si raggiunge tramite una stradina lastricata in sensibile pendenza che ha inizio alcune decine di metri dopo la Moschea del Sultano. Negli spazi occupati dell’ex Cattedrale Ortodossa dedicata alla Dormizione di Santa Maria, sorge dal 1986 il Museo Onufri. La cattedrale fu costruita nel 1797 sulle fondamenta di una chiesa più antica risalente al X secolo.
.
.
In bio trovate il link all'articolo completo sul blog
.
.
#travel #traveling #envywear #vacation #visiting #instatravel#instago #instagood #trip #holiday #photooftheday #fun #travelling #tourism #tourist #instapassport #instatraveling #mytravelgram #travelgram #travelingram #igtraveller #VisitAlbania #albaniagoyourownway #smilealbania😀🇦🇱
Today around FVG: promozione del territorio e dei prodotti locali.
#cormons #visitcormons #fvglive #fvgphoto #yallersfvg #fvgtaste #aroundfvg #igersfvg #somewherefvg
Ricordi di viaggio.
Uno dei souvenir che abitualmente portiamo a casa da un viaggio è il vino.
. 
Oggi spaghetti alla bottarga di muggine con un ottimo Chardonnay di Chateau Purcari (Moldova).
.
.
#moldova #discovertheroutesoflife #purcari #vino #wine #winelover @guida_moldava @moldova.travel #beourguest
All'interno della cittadella fortificata di Berat, negli spazi occupati dell’ex Cattedrale Ortodossa dedicata alla Dormizione di Santa Maria, sorge dal 1986 il Museo Onufri. La cattedrale fu costruita nel 1797 sulle fondamenta di una chiesa più antica risalente al X secolo.
L’edificio presenta un’architettura tardo bizantina con un’espressione artistica in stile barocco balcanico, come evidenziato dalla pregiata iconostasi a due livelli datata 1807. Nelle sale laterali invece sono esposte numerose icone (dal XIV al XX secolo) e oggetti liturgici.
.
.
In bio il link all'articolo completo su Berat
.
.
#berat #berati #albania #albaniagoyourownway #albania🇦🇱 #albaniatourism #VisitAlbania #smilealbania😀🇦🇱
Sabato scorso siamo stati a fare shopping da #ATRIOVillach. In fase di ideazione del progetto si decise di mettere fin da subito il benessere delle persone al centro dell’esperienza, con l’eco-sostenibilità come valore di riferimento. È stato creato un ambiente piacevole illuminato anche dalla luce naturale proveniente da grandi vetrate. Gli arredamenti dei negozi sono stati realizzati con materiali ecocompatibili e sono dotati di soluzioni tecnologiche innovative.
.
Il risultato finale è un mix con ampi spazi, comfort zone, fontane d’acqua, una biblioteca condivisa e aree ludiche per bambini, che rendono lo shopping un’esperienza piacevole e rilassante. Mentre i genitori si godono la giornata, i bimbi dai 3 ai 10 anni possono divertirsi e socializzare al parco giochi Lollipop, seguiti sempre da personale qualificato.
.
.
@atrio_villachit#ShoppingSenzaConfini #villach #visitcarinthia #shopping
Udine, piazza XX Settembre 
@fvglive #fvglive #yallerfriuliveneziagiulia #yallersitalia #udine

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 30 altri iscritti

Next Event

Calendario autunnale ConVersando di Viaggi Udine

ConVersando di Viaggi a Udine, calendario autunnale 2019

Next Travel

Moschea Nasir al Molk Shiraz

Iran - settembre 2019 (© Wikipedia)

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador