Viaggio a Valencia, consigli utili per organizzarlo

Viaggio a Valencia, consigli utili per organizzarlo


Con l’avvento della democrazia alla fine degli anni Settanta, la Spagna ha saputo ripensare il modello turistico da offrire ai visitatori.

Nel bene, ma anche nel male.

In alcuni casi si è trattato di vere e proprie speculazioni edilizie nelle località balneari della Costa del Sol, della Costa Blanca e della Costa Brava. In altri invece le cose sono state fatte con più raziocinio ed intelligenza, prestando particolare attenzione alla sostenibilità ambientale.

Tra le grandi città della Spagna, Valencia è sicuramente una di quelle che attirano i maggiori flussi turistici, da tutto il mondo. Per noi ha rappresentato una piacevole sorpresa.

 

Vista notturna del Museo de las Ciencias Príncipe Felipe di Valencia

Museo de las Ciencias Príncipe Felipe in notturna

 

Il capoluogo della Comunitat Valenciana è una città godibile, a misura d’uomo, ideale per una vacanza di pochi giorni. Ha un clima particolarmente gradevole che la rende appetibile in tutte le stagioni, anche nei mesi invernali.

Secondo noi comunque i periodi migliori per visitarla sono le mezze stagioni, quando il tempo è bello ma il caldo e l’umidità non creano particolari disagi.

Qui di seguito vi forniamo alcuni consigli e suggerimenti utili per organizzare al meglio un viaggio a Valencia.

 

Indice

 

Quanti giorni dedicare a Valencia

Una delle domande più frequenti che ci vengono poste dai lettori del blog è quanti giorni dedicare alla visita di Valencia.

Ad essere sincero è difficile formulare una risposta esauriente. Vi spiego il perché.

 

Interno della Cattedrale di Valencia

L’interno della Cattedrale

 

La scelta può essere influenzata da fattori esterni e soggettivi, come gli operativi dei voli, il budget a disposizione e la tipologia della vacanza che si vuole organizzare.

Come illustrato nell’articolo dedicato alla scoperta dei luoghi più famosi di Valencia, noi eravamo rimasti tre giorni.

Tenete presente però che era pieno inverno (fine gennaio) e quindi la stagione ci aveva precluso la visita alle spiagge di Cabanyal e Malvarrosa.

 

Dove dormire a Valencia

I luoghi di maggior interesse della città non sono concentrati esclusivamente nel centro storico, la cosiddetta Ciutat Vella.

Valencia infatti presenta altri due grandi poli attrattivi, la moderna Ciudad de las Artes y las Ciencias ed i Poblats Marítims, i quartieri situati nella zona del mare.

Le tre aree non sono proprio vicine tra loro e per spostarsi da una zona all’altra è necessario utilizzare i mezzi pubblici.

Durante la ricerca della struttura in cui alloggiare quindi dovete tenere in considerazione anche questo aspetto, trovando alla fine un compromesso tra la migliore posizione logistica e l’offerta economica più vantaggiosa.

 

Palau de les Arts Reina Sofía e Hemisfèric a Valencia

Palau de les Arts Reina Sofía e Hemisfèric

 

Secondo noi comunque le zone migliori sono la Ciutat Vella e in alternativa la Città delle Arti e delle Scienze.

Noi avevamo privilegiato quest’ultima e la nostra scelta era caduta sull’hotel Eurostars Rey Don Jaime, situato in Avenida de Baleares 2.

La struttura è un classico quattro stelle situato in posizione strategica rispetto alle fermate dei mezzi pubblici. Noi avevamo approfittato di un’offerta last minute dall’ottimo rapporto qualità-prezzo e ci eravamo trovati molto bene.

 

Qui puoi verificare le offerte e la disponibilità di

Alloggi a Valencia

 

Valencia Tourist Card

Anche a Valencia come in numerose altre città del mondo è disponibile una carta turistica, che dà diritto a tutta una serie di vantaggi che permettono di risparmiare tempo e denaro durante il soggiorno.

Nello specifico:

  • Utilizzo gratuito dei mezzi pubblici, incluso il trasferimento in metropolitana da e per l’aeroporto;
  • Accesso gratuito in alcuni musei e monumenti, tra cui la celebre Lonja de la Seda, le torri di Quart e Serrano ed il Museo Fallero;
  • Sconto del 15% sul biglietto d’ingresso in alcune attrazioni, tra cui quelle situate nella Città delle Arti e della Scienza, il Bioparc, il Bus Turistico, il noleggio delle biciclette;

 

Carta turistica di Valencia

La Valencia Tourist Card

 

  • Sconto del 15% in alcuni negozi e ristoranti;
  • Sconto del 20% sulle visite guidate;
  • Mappa di Valencia;
  • Degustazione di due tapas e due bevande in un locale caratteristico del centro storico;
  • Accesso prioritario (salta coda) nei principali musei e monumenti.

La carta turistica è disponibile in tagli da 24, 48 e 72 ore, dal momento del primo utilizzo.

Per i bambini dai 6 ai 12 anni è previsto uno sconto del 15% rispetto alla tariffa riservata agli adulti, mentre per i bimbi sotto i 6 anni di età è gratuita.

La potete acquistare comodamente online da casa al seguente link Valencia Tourist Card.

 

Free Tour

Per prendere confidenza con la citta vi consigliamo di partecipare a dei free walking tour gratuiti. Lo facciamo spesso anche noi.

Noi ve ne presentiamo tre. Hanno tutti una durata di circa due ore e durante la camminata sarete accompagnati da una guida autorizzata che parla in inglese.

 

Partendo da Plaza de la Virgen, il Free Tour del centro storico vi porta alla scoperta dei luoghi più iconici della Ciutat Vella, quelli che trovate illustrati in tutte le guide e riviste specializzate di settore.

Il Free Tour della Valencia Modernista invece ha inizio davanti all’edificio del Mercado Colón, opera dell’architetto locale Berenguer.

La camminata si sviluppa nel barrio dell’Eixample, tra splendidi palazzi, la piazza del Municipio e una delle più belle stazioni dei treni del mondo, Estación del Norte.

 

Opera di street art a Valencia Spagna

Street Art per i vicoli del centro storico di Valencia

 

Se infine siete degli appassionati di arte urbana allora non potete perdervi il Free tour della Street Art di Valencia.

Il giro si sviluppa lungo le stradine del quartiere di El Carmen, ricco di opere d’arte che formano alcuni tra gli angoli nascosti più belli della città.

 

I tour sono a numero chiuso, se per un qualsiasi motivo non riusciste a partecipare vi preghiamo di cancellare la prenotazione tramite la mail di conferma che avete ricevuto.

Le esperienze come dicevamo sono gratuite, ma se al termine della passeggiata avrete gradito il servizio, allora vi consigliamo di lasciare una piccola mancia alla guida.

 

Valencia, come arrivare

Valencia si raggiunge facilmente dall’Italia in aereo. Da diverse città infatti sono operativi dei voli diretti effettuati sia da compagnie di bandiera sia dalle principali compagnie low cost.

Vi consigliamo di monitorare le tariffe, magari inserendo degli alert sui motori di ricerca di viaggi, perché soprattutto in bassa stagione si possono trovare delle offerte veramente allettanti.

 

Decorazione esterna del Mercado Central di Valencia

Decorazione esterna del Mercado Central

 

Come arrivare dall’aeroporto in centro città

L’aeroporto di Valencia si trova nei pressi della località di Manises ed è situato a poco più di dieci chilometri dal centro città.

Lo scalo è collegato tramite:

  • le linee 3 e 5 della metropolitana;
  • la linea 150 dell’autobus urbano.

In fase di organizzazione del viaggio a Valencia tenete presente che l’autobus non presta servizio la domenica e nei giorni festivi.

Noi avevamo utilizzato la linea 5 della metropolitana all’andata, mentre al ritorno avevamo optato per un transfer privato dato l’inusuale orario del volo (alle ore sei e mezza del mattino).

Per questo servizio ci eravamo affidati a Welcome Pickups, un operatore che ha ottime referenze su Tripadvisor. Potete prenotare il trasferimento comodamente online da casa con un semplice clic al seguente link Valencia Airport Transfer.

Per i possessori della Valencia Card invece il trasferimento in metropolitana dà e per l’aeroporto è gratuito.

 

Valencia cosa vedere in tre giorni

Dettagli dell’Umbracle, Ciudad de las Artes y las Ciencias

 

Come muoversi in città

Per trasferirci da un quartiere all’altro avevamo sempre utilizzato la capillare ed efficiente rete dei mezzi pubblici.

Anche in questo caso i possessori della carta turistica viaggiano gratuitamente.

 

Dove mangiare a Valencia

Come ben sapete il piatto per eccellenza della cucina valenciana è la paella

La ricetta originaria della paella mista prevede che l’alimento principale, cioè il riso, venga arricchito con carne di pollo e di coniglio, calamari e gamberoni, verdure miste tra cui peperoni e fagiolini.

L’utilizzo dello zafferano e di altre spezie contribuiscono a dare colore e gusto al riso.

Noi ne avevamo assaggiata una veramente gustosa in un locale situato nei pressi di Plaza del Ayuntamiento.

Avevo letto però che gli abitanti di Valencia mangiano abitualmente la paella solo a pranzo, i ristoranti che la propongono anche la sera invece prettamente turistici.

 

Ristorante Tria di Valencia

Pranzo al ristorante Tria

 

Per l’aperitivo invece vi consigliamo uno dei numerosi tapas bar. Le tapas sono degli stuzzichini sia caldi sia freddi a base di pesce, carne, frittate e verdure.

Se volete approfondire la cultura dell’aperitivo e delle tapas c’è la possibilità di partecipare ad un Tapas Tour.

Il giro ha inizio proprio di fronte al Mercado Central, ha una durata di due ore e mezza circa, la guida parla in italiano e nel prezzo è compresa la consumazione di tre tapas e delle bevande.

Lo potete prenotare online cliccando sul link.

 

La soluzione ideale infine per degli sfiziosi spuntini di metà giornata è rappresentata secondo noi dal Mercado Central.

All’interno della struttura c’è anche un ristorante, ma noi vi consigliamo di acquistare i prodotti direttamente ai banchi dei rivenditori.

 

Mercado Central Valencia

Collage di prodotti al Mercado Central

 

Guida cartacea

Per informarci su cosa visitare a Valencia avevamo acquistato la guida pocket della Lonely Planet.

Se da un lato si è rivelata interessante per alcune informazioni pratiche, dall’altro non ci è stata di grande aiuto per gli approfondimenti sui monumenti da visitare.

Online invece è disponibile la guida Love Valencia in italiano, dove trovate tutta una serie di informazioni utili sulle attività da svolgere in città durante il vostro soggiorno.

 

Yacht ormeggiati nella Real Marina di Valencia

Yacht nella Real Marina Juan Carlos I

 

Curiosità per un viaggio a Valencia

Valencia sui libri

In passato diversi scrittori importanti avevano soggiornato a Valencia. Uno su tutti Ernest Hemingway negli anni Venti.

La città gli ispirò alcune tra le sue opere più importanti come Morte nel pomeriggio, Per chi suona la campana e The dangerous summer.

Un altro scrittore che ha legato un pezzo della sua vita alla città è stato Vicente Blasco Ibáñez, uno dei più conosciuti romanzieri spagnoli.

Il suo libro più famoso, Cañas y Barro, venne ambientato nella regione dell’Albufera all’inizio del XX secolo.

 

Valencia sul grande schermo

Nel corso degli anni Valencia è stata il set cinematografico di diversi film e serie tv.

Se siete degli appassionati del genere avete la possibilità di visitare dei luoghi diventati famosi sul piccolo e grande schermo.

Lo potete fare con un tour organizzato.

L’escursione alla scoperta delle location di film e serie tv ha una durata di un’ora e mezza circa e la guida specializzata parla sia in inglese sia in spagnolo.

Il tour si sviluppa tra i vialetti e gli edifici avveniristici della Città delle Arti e delle Scienze, progettati da Santiago Calatrava.

Qui sono stati girate le scene di famose fiction e film come “Doctor Who” e “Westworld” tra le serie e “Tomorrowland – Il mondo di domani” tra i film, interpretato da George Clooney e Britt Robertson.

 

Articolo aggiornato il 1 gennaio 2022

Steve

Sono nato a Udine nel 1963 e vivo a Galleriano, un piccolo paese di campagna in provincia di Udine. Appassionato di geografia, ho viaggiato fin da piccolo grazie ai miei genitori.

You may also like

Chi siamo

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Riccardo, Elisabetta e Stefano

Un android developer a tempo perso, una polacca innamorata dell'Italia e un appassionato di geografia prestato all'informatica.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 62 altri iscritti

Follow Us

Segui In Viaggio con Ricky anche su

In Viaggio con Ricky è

FVG Ambassador

Friuli Venezia Giulia Social Ambassador